E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 5 marzo il bando per l'assunzione di 754 Allievi Agenti della Polizia Penitenziaria. I posti a concorso sono così suddivisi: 566 per gli uomini e 188 per le donne. Chi fosse interessato a questa opportunità lavorativa ha tempo fino al 4 di aprile per presentare la propria domanda di partecipazione alle selezioni. Oltre alla valutazione dei titoli, per essere ammessi al corso di formazione previsto prima dell'effettiva assunzione nel ruolo ci saranno da superare: una prova scritta, basata su domande a risposta multipla relative ad argomenti di cultura generale; accertamenti psico-fisici ed attitudinali.

Requisiti e modalità di partecipazione

Per prendere parte al concorso bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti: un'età compresa tra i 18 ed i 27 anni; diploma di istruzione secondaria; cittadinanza italiana, godimento dei diritti civili e politici; idoneità fisica ed attitudinale al ruolo che si andrà a ricoprire; non essere stati allontanati da un precedente impiego presso un ente della pubblica amministrazione; non avere riportato condanne a pena detentiva o essere stati sottoposti a misure di prevenzione.

Entrando più nel dettaglio dei posti messi a bando ci sono poi da evidenziare le seguenti specifiche: 452 posti, dei quali 340 maschili e 112 femminili, sono riservati a coloro che sono in servizio da almeno sei mesi come volontari in ferma prefissata di un anno o quadriennale; due posti, uno per uomo ed uno per donna, sono invece destinati a coloro che hanno un attestato di bilinguismo, italiano e tedesco, e che verranno assegnati presso gli istituti penitenziari della provincia di Bolzano.

Per inoltrare la propria candidatura basterà registrarsi e seguire la procedura online presente sulla pagina ufficiale del Ministero della Giustizia. Il sito web genererà poi una ricevuta che dovrà essere stampata e portata con sé il giorno della prova scritta.

Il corso di formazione

Chi supererà le fasi selettive parteciperà poi al corso di formazione. Quest'ultimo è annuale ed è articolato in due semestri distinti. Alla conclusione del primo, gli allievi che sono stati ritenuti idonei diventano agenti in prova con la qualifica di Agente di Polizia Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza. Al termine del secondo invece gli allievi verranno assegnati ai diversi uffici in cui seguiranno un periodo denominato di “applicazione pratica”. Queste fasi formative sono generalmente articolate in 36 ore settimanali, dal lunedì al venerdì.