126 CONDIVISIONI
Ultime notizie sul caso Yara Gambirasio
4 Giugno 2021
16:23

Yara Gambirasio, nessun accesso a reperti del processo: “Richiesta basata su falsa ipotesi anomalie”

Secondo la Corte d’Assise, la richiesta di indagini di tipo genetico sui avanzata dagli avvocati difensori di  Massimo Bossetti “poggia sul falso presupposto dell’esistenza di irrisolte anomalie negli accertamenti eseguiti e posti alla base della condanna del Bossetti”. È quanto riportato da Ansa che ha potuto visionare il documento con la Corte d’Assise di Bergamo ha respinto gli accertamenti chiesti dalla difesa del muratore condannato in via definita all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirario, sui campioni raccolti durante le indagini.
A cura di Chiara Ammendola
126 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sul caso Yara Gambirasio

Secondo la Corte d'Assise, la richiesta di indagini di tipo genetico sui avanzata dagli avvocati difensori di  Massimo Bossetti "poggia sul falso presupposto dell'esistenza di irrisolte anomalie negli accertamenti eseguiti e posti alla base della condanna del Bossetti". È quanto riportato da Ansa che ha potuto visionare il documento con la Corte d'Assise di Bergamo ha respinto gli accertamenti chiesti dalla difesa del muratore condannato in via definita all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio, sui campioni raccolti durante le indagini.

Gli avvocati di Bossetti rischiano l'accusa di calunnia

Dunque nessuna "anomalia" per i giudici di Bergamo presieduti da Donatella Nava secondo cui: queste ultime infatti "sono già state contestate e vagliate nel corso del processo e tutte hanno trovato razionale spiegazione nelle sentenze di merito sulla base di logiche e coerenti argomentazioni valutate anche dalla Suprema Corte". Nulla di fatto dunque per la richiesta avanzata dagli avvocati di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni e Paolo Camporini, che ora rischiano anche di essere accusati di calunnia. Durante l'udienza tenutasi lo scorso 19 maggio infatti, il procuratore capo Antonio Chiappani aveva chiesto la trasmissione degli atti alla Procura di Venezia per le "opportune valutazioni", denunciando presunte scorrettezze da parte dei due difensori.

Gli avvocati di Bossetti nei mesi scorsi avevano presentato un esposto contro i magistrati bergamaschi in cui parlavano di illeciti sulla gestione dei reperti del caso Yara, accusandoli di depistaggio e frode processuale. Mentre al Ministero di Grazia e Giustizia avevano chiesto un provvedimento disciplinare contro la procura in merito alla conservazione delle prove, alcune delle quali “sarebbero state fatte sparire, come i guanti e le chiavi che la ragazzina aveva in tasca la sera della scomparsa”. Ora spetterà ai pm di Venezia valutare eventuali ipotesi di reato ai loro danni.

126 CONDIVISIONI
75 contenuti su questa storia
Bossetti dal carcere: “Sono innocente, continuo a lottare perché Yara non ha avuto giustizia”
Bossetti dal carcere: “Sono innocente, continuo a lottare perché Yara non ha avuto giustizia”
Omicidio Yara, Bossetti: "Io sull'orlo di un precipizio. Chiedo solo nuove analisi"
Omicidio Yara, Bossetti: "Io sull'orlo di un precipizio. Chiedo solo nuove analisi"
Omicidio Yara, Massimo Bossetti denuncia i magistrati di Bergamo per depistaggio
Omicidio Yara, Massimo Bossetti denuncia i magistrati di Bergamo per depistaggio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni