30 Ottobre 2019
13:29

Vivono col cadavere della santona nascosto in casa per 17 anni: assolti marito e figlio

La Corte d’Appello di Torino ha ribaltato la sentenza di primo grado Aldo e Alfio Pepino, rispettivamente marito e figlio di Graziella Giraudo, la donna di Borgo San Dalmazzo venerata come una ‘santona’ quando era in vita e per questo imbalsamata dai familiari e tenuta in casa per ben 17 anni.
A cura di Antonio Palma

La Corte d'Appello di Torino ha assolto "per non aver commesso il fatto" Aldo e Alfio Pepino, rispettivamente marito e figlio di Graziella Giraudo, la donna di Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo, venerata come una ‘santona' quando era in vita e per questo imbalsamata dai familiari e tenuta in casa per ben 17 anni dagli stessi parenti. Con questa decisione la Corte di appello ha ribaltato completamente la sentenza di primo grado che aveva visto entrambi gli imputati condannati per occultamento di cadavere. Nello stesso procedimento assolta anche Elda Allinio, sorella del genero della ‘santona', accusata però del reato meno grave di favoreggiamento. "Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza, ma per ora siamo molto soddisfatti", ha commentato il legale dei due imputati, l'avvocato Michele Forneri, aggiungendo: "È stata riconosciuta la natura istantanea del reato cioè tutto quello che è successo dopo la morte della donna, è stato giudicato non rilevante". Durante la requisitoria Aula, lo stesso Procuratore generale Giancarlo Avenati Bassi aveva chiesto il non doversi procedere per gli imputati ma per prescrizione del reato. La Corte invece li ha assolti con formula piena.

Il cadavere di Graziella Giraudo era stato trovato dai carabinieri nel 2013, dopo che nessuno aveva visto la donna alla veglia funebre della sua coinquilina. In realtà della ‘santona' non si avevano notizie già dalla fine degli anni '90. Per anni si è creduto che la donna fosse emigrata all'estero o che fosse stata ricoverata in una casa di riposo ma nessuno aveva dato mai veramente peso alla sua prolungata assenza. Del resto, anche se ritenuta una guaritrice a cui si rivolgevano fedeli da tutta Italia, la donna conduceva una vita riservata e in paese la si vedeva poco. Dopo il decesso, avvenuto all’età di 51 anni tra il 26 e il 27 aprile del 1996 e che l’autopsia ha consentito di ricondurre a cause naturali, il suo corpo era stato ricomposto dai familiari in una stanza chiusa a chiave, conservato mummificato e con la mano in segno di benedizione.

Durante le successive indagini, gli inquirenti scoprirono che secondo i suoi fedeli era destinata resuscitare. I carabinieri infatti hanno rinvenuto anche un diario i cui si ipotizzava la resurrezione della donna. Questo, secondo l'accusa, aveva spinto i parenti più stretti a mummificarla e a conservarne i resti. Per questi fatti, in primo grado, nel 2015, Aldo e Alfio Pepino erano stati condannati a un anno di reclusione ed Elda Allinio a 4 mesi. Gli altri familiari imputati, Valierio Allinio e Dianora Pepino, rispettivamente genero e nuora della donna residenti nell'appartamento vicino all'alloggio in cui era stato rinvenuto il cadavere, avevano patteggiato la pena a un anno.

Agrigento, marito e moglie trovati morti in casa: "Le ha sparato e poi si è ucciso"
Agrigento, marito e moglie trovati morti in casa: "Le ha sparato e poi si è ucciso"
Denise, la mamma Piera Maggio all'ex marito Toni Pipitone: "Perché sei uscito fuori dopo 17 anni?"
Denise, la mamma Piera Maggio all'ex marito Toni Pipitone: "Perché sei uscito fuori dopo 17 anni?"
Miami, trovati due cadaveri nella villa in cui fu ucciso Gianni Versace 24 anni fa
Miami, trovati due cadaveri nella villa in cui fu ucciso Gianni Versace 24 anni fa
270 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni