Quello che è accaduto all'ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento, a Verona, è un vero e proprio miracolo. Una bambina è infatti stata operata per un tumore al collo mentre era ancora nell'utero della mamma, poco prima che venisse alla luce. La neonata, che i genitori hanno chiamato Giulia, è così nata sana e salva anche se si attendono i prossimi giorni per valutare la riuscita dell'intervento, al quale l'equipe, composta da 25 professionisti, tra medici e infermieri, che ha seguito il caso ha lavorato a lungo, facendo prove anche sui manichini.

La piccola avrebbe potuto morire in quelle condizioni una volta separata dalla mamma, che a sua volta avrebbe rischiato la vita. Come riporta il quotidiano L'Arena, l'operazione era fissata per lunedì 17 febbraio, ma le acque si sono rotte in anticipo rispetto ai tempi e così l'intervento è stato effettuato d'urgenza nella notte tra sabato e domenica scorsa. I medici hanno praticato alla bimba una chirurgia all’altezza della testa, mentre il resto del corpo era ancora all’interno dell’utero materno, una procedura, questa, chiamata tecnica Exit. Ora l’équipe attende con prudenza i prossimi giorni per valutare la riuscita dell’operazione, ma Giulia sta bene, anche se nei prossimi giorni dovrà sottoporsi ad un nuovo intervento per la rimozione totale della massa tumorale, che è grande 8 centimetri che le schiaccia e devia la trachea, creandole gravi difficoltà respiratorie.