22 Ottobre 2021
12:02

Vaccino antinfluenzale 2021 anche in farmacia: per chi è raccomandato e come prenotarlo

Dal 2021 sarà possibile prenotare e acquistare il vaccino antifluenzale anche in farmacia. Nella giornata di ieri giovedì 21 ottobre è stato approvato durante al Conferenza Stato-Regioni un protocollo che permette alle farmacie di mettere in vendita e somministrare il siero contro l’influenza per la nuova campagna vaccinale. Alcune categorie per le quali l’immunizzazione è fortemente raccomandata potranno ricevere il siero gratis in ospedale.
A cura di Gabriella Mazzeo

Vista l'attuale situazione dell'epidemia di Covid-19 in Italia, il governo punta a rendere capillare la vaccinazione contro l'influenza per prevenire che i sintomi del Coronavirus possano essere confusi con quelli della malattia invernale. L'influenza colpisce circa 5/6 milioni di italiani ogni anno e per questo motivo le Regioni hanno deciso di attrezzarsi per fornire vaccinazioni a tutti gli italiani che vorranno richiederla. Il siero è fortemente raccomandato per gli over 65, pazienti fragili immunodepressi, donne in gravidanza e quelle nel periodo post-partum. Il vaccino sarà gratuito per operatori sanitari, over 65, malati cronici, donne in gravidanza, medici, insegnanti, forze dell'ordine e donatori di sangue. Tutti gli altri che vorranno accedere alla vaccinazione potranno acquistarla in farmacia. Quest'anno sono state ordinate 19 milioni di dosi. Lo Stato punta a vaccinare i più anziani e gli immunocompromessi.

Sarà possibile programmare la somministrazione del vaccino contro l'influenza nella stessa seduta del richiamo contro il Covid. Secondo la circolare del ministero della Salute del 2 ottobre, alcune categorie per le quali è prevista la vaccinazione antifluenzale stagionale gratuita sono eleggibili allo stesso tempo per l'inoculazione anti-Covid. Le due dosi non vengono però fatte automaticamente insieme nella stessa seduta: si tratta solo di una possibilità sulla quale il cittadino ha libera scelta.

A chi può essere somministrato il vaccino contro l'influenza

Il vaccino è indicato per tutti coloro che lo desiderano e che non hanno specifiche controindicazioni. Fortemente raccomandato è per coloro che hanno un'età superiore ai 65 anni, alle donne in gravidanza e a quelle nel periodo dopo il parto e a coloro che sono affetti da patologie che abbassano le difese immunitarie e aumentano il rischio di complicanze da influenza. Il vaccino è consigliato anche a coloro che vivono accanto a persone con alto rischio di complicanze e per i donatori di sangue.

Non deve essere somministrato ai bimbi al di sotto di 6 mesi o a coloro che hanno manifestato una reazione allergica grave dopo la somministrazione di una precedente dose.

Dove si può ricevere il vaccino antinfluenzale: dal 2021 anche in farmacia

Nella giornata di ieri giovedì 21 ottobre, durante la Conferenza Stato-Regioni è stato approvato un protocollo firmato con Federfarma-Assofarm per rendere disponibile il vaccino contro l'influenza anche in farmacia. I cittadini che non hanno patologie, dunque, potranno acquistare il vaccino in farmacia e farselo somministrare proprio dal farmacista. Operatori sanitari, over 65, malati e donne in gravidanza insieme a medici, insegnanti, forze dell'ordine e donatori di sangue potranno riceveranno gratuitamente il vaccino in ospedale. Si tratta di una vera e propria rivoluzione per l'Italia secondo Raffaele Donini, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e Assessore dell'Emilia Romagna. "Andiamo nella direzione delle "farmacie dei servizi", luoghi in cui saranno sempre più in grado di fornire ai cittadini prestazioni sanitarie" ha riferito Donini.

Quando sarà possibile prenotare il vaccino

Ciascuna regione e provincia autonoma ha stabilito una data di inizio della campagna vaccinale contro l'influenza. L'Abruzzo ha iniziato lunedì 11 ottobre, mentre l'Emilia Romagna inizierà lunedì 25. Priorità per i soggetti ad alto rischio di ogni età. Venerdì 15 ottobre invece ha iniziato il Friuli Venezia Giulia, che permette la co-somministrazione di questo vaccino e di quello anti Covid agli operatori sanitari a rischio effetti gravi del Coronavirus per età o patologia.  Il 7 ottobre ha iniziato il Lazio: anche qui si può scegliere se sottoporsi alla doppia somministrazione. Liguria e Lombardia hanno iniziato rispettivamente il 4 e il 6 ottobre. La Puglia è invece partita nella giornata di mercoledì 20 ottobre mentre la Toscana partirà lunedì 25 con gli ultrasettantenni con patologie. Seguiranno i pazienti delle Rsa mentre tutti gli altri potranno vaccinarsi da novembre.

Il Vaccino anti Covid e vaccino antinfluenzale insieme

Una possibilità per alcune categorie è quella di effettuare il richiamo del vaccino anti-Covid nella stessa seduta di quello antifluenzale. Si tratta di una scelta del paziente che non rappresenta un obbligo: persone eleggibili per il richiamo del siero anti-Coronavirus possono nello stesso periodo accedere alla vaccinazione contro l'influenza. Si tratta di operatori sanitari, over 60 ora chiamati per la terza dose del vaccino anti-Covid, e persone affette da malattie croniche.

Gimbe, 4 Regioni non hanno abbastanza vaccini antinfluenzali per le categorie a rischio
Gimbe, 4 Regioni non hanno abbastanza vaccini antinfluenzali per le categorie a rischio
Vaccino obbligatorio dal 15 dicembre, come prenotarlo e quando arriva il Super Green Pass
Vaccino obbligatorio dal 15 dicembre, come prenotarlo e quando arriva il Super Green Pass
Burioni spiega perché non serve misurare gli anticorpi ma fare la terza dose di vaccino Covid
Burioni spiega perché non serve misurare gli anticorpi ma fare la terza dose di vaccino Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni