Covid 19
4 Ottobre 2021
08:12

Vaccino Covid e antinfluenzale, come funziona e chi potrà ricevere la somministrazione congiunta

Al via la doppia vaccinazione con vaccino Covid e antinfluenzale per gli over 65 e le categorie più a rischio: è quanto prevede la nuova circolare del Ministero della Salute che apre alla somministrazione congiunta dei due sieri. Dalla prossima settimana comincerà il Lazio tramite i medici di famiglia. Speranza: “Così proteggiamo i più fragili”.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il Ministero della Salute ha dato il via libera alla doppia immunizzazione del vaccino Covid e di quello antinfluenzale nella stessa seduta. Lo ha precisato con una circolare, firmata dal direttore della Prevenzione, Gianni Rezza, da Nicola Magrini (Aifa), da Silvio Bruseferro (Iss) e da Franco Locatelli (Cts), con la quale viene raccomandato, come ha già fatto il virologo americano Anthony Fauci, di abbinare la terza dose di vaccino per il Covid con quello antinfluenzale negli over 80 e più in generale agli over 65. Già dalla prossima settimana alcune regioni, come il Lazio, cominceranno la somministrazione congiunta attraverso i medici di famiglia. "Anche quest’anno la vaccinazione antinfluenzale sarà molto importante per proteggere al meglio soprattutto le persone più fragili", ha poi aggiunto il ministro Roberto Speranza, sottolineando l'importanza dell'operazione per mettere al sicuro soprattutto le categorie più a rischio.

Cosa sappiamo della somministrazione congiunta Covid-antinfluenzale

Come si specifica nella circolare ministeriale, "sarà possibile programmare la somministrazione dei due vaccini (antinfluenzale e anti Covid), nel rispetto delle norme di buona pratica vaccinale, nella medesima seduta vaccinale, fermo restando che una eventuale mancanza di disponibilità di uno dei due vaccini non venga utilizzata come motivo per procrastinare la somministrazione dell’altro". Si tratta di una raccomandazione indirizzata in particolare agli over 65 che hanno più possibilità di sviluppare la forma grave della malattia. Nei giorni scorsi anche il virologo Usa Anthony Fauci, aveva spiegato, rispondendo a una domanda della Cnn sui dubbi della gente all'inizio della stagione vaccinale anche per l'influenza e l'arrivo per molti cittadini dei richiami contro il Sars-Cov2, che "ciò che conta è solo fare entrambe le immunizzazioni appena possibile e se ciò significa farsi fare un'iniezione in un braccio e l'altra, allo stesso momento nell'altro, questo va benissimo".

Chi potrà ricevere la somministrazione congiunta

La "doppia vaccinazione", viene specificato sempre all'interno della circolare, sarà possibile in particolare per alcune categorie di soggetti per le quali la vaccinazione antinfluenzale stagionale è raccomandata e che siano allo stesso tempo eleggibili per la vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19, ad esempio gruppi target della dose addizionale o booster e persone over 60 non ancora vaccinate. Le consegne degli antinfluenzali non sono però cominciate in tutta Italia. La prima regione a partire, dalla prossima settimana, sarà il Lazio. Poi dovrebbe seguire la Campania, che ha già iniziato a distribuire i vaccini ai medici di famiglia, come dichiara Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei medici di medicina generale. Secondo una ricognizione della Fimmg, le forniture di antinfluenzale arriveranno il 12 ottobre in Basilicata, dopo il 15 in Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Umbria e a Bolzano; il 18 in Valle d'Aosta, ancora dopo il 20 nelle Marche, a partire dal 25 in Emilia-Romagna, Calabria e Sicilia, da novembre in Toscana.

Il testo integrale della circolare

31617 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni