1.672 CONDIVISIONI
11 Giugno 2021
19:05

Vaccini Johnson&Johnson contaminati con AstraZeneca, 60 milioni di dosi distrutte in Usa

La Food and Drug Administration Usa ha comunicato a Johnson & Johnson che circa 60 milioni di dosi del suo vaccino contro il coronavirus prodotto in un impianto di Baltimora non possono essere utilizzate a causa della possibile contaminazione con un ingrediente chiave utilizzato per produrre il vaccino AstraZeneca.
A cura di Antonio Palma
1.672 CONDIVISIONI

Ci sono oltre 60 milioni di dosi di vaccini anti covid Johnson & Johnson contaminate che quindi sono inutilizzabili per la campagna vaccinale statunitense e andranno distrutti. La Food and Drug Administration, l’ente regolatore americano per i farmaci, infatti ha comunicato a Johnson & Johnson che circa 60 milioni di dosi del suo vaccino contro il coronavirus prodotto in un impianto di Baltimora non possono essere utilizzate a causa della possibile contaminazione con un ingrediente chiave utilizzato per produrre il vaccino AstraZeneca. Lo stabilimento a cui l’azienda farmaceutica aveva dato incaricato di produrre il vaccino, gestito dalla Emergent BioSolutions, è nel mirino degli ispettori della Fda da marzo quando a seguito di un errore di produzione è stato chiuso.

Nell’incidente sono andate distrutte circa 15 milioni di dosi del vaccino Janssen quando un lotto è stato contaminato da un ingrediente utilizzato invece per produrre AstraZeneca. I funzionari federali hanno quindi ordinato all'impianto di sospendere completamente la produzione ma a quel punto nell’impianto erano state già prodotte più di 100 milioni di dosi di Johnson & Johnson e almeno 70 milioni di dosi di AstraZeneca. Dopo i controlli alcuni lotti hanno ricevuto il via libera per altri invece ora ci sarà la distruzione.

Per gli ispettori della Fda non si può escludere che 60milioni di dosi stoccate in attesa di via libera siano state contaminate. L'agenzia non ha ancora deciso se Emergent possa riaprire la fabbrica ma intanto sta valutando se consentire la distribuzione di circa 10 milioni di dosi in altri paesi, ma con l'avvertenza che i regolatori non possono garantire che la società che gestisce l'impianto abbia seguito le buone pratiche di produzione.

Anche se inizialmente era entrato a fare parte della campagna vaccinale con la somministrazione di dosi prodotte nello stabilimento dell'azienda nei Paesi Bassi, Johnson & Johnson oggi non è più considerato nella strategia vaccinale americana. Per la campagna vaccinale anti covid Usa incentrata tutta sui vaccini da Pfizer-BioNTech e Moderna quindi non sembra una grande perdita. Tuttavia, la perdita di 60 milioni di dosi intacca il piano dell'amministrazione Biden di distribuire vaccini ai Paesi poveri  che contava proprio sulla condivisione delle dosi sia di Johnson & Johnson che di AstraZeneca.

1.672 CONDIVISIONI
Il nuovo piano vaccini del governo: pronte 45 milioni di vaccini per terze dosi e bambini
Il nuovo piano vaccini del governo: pronte 45 milioni di vaccini per terze dosi e bambini
Covid Uk, Johnson lancia il piano B con Green pass: "Entro 1 mese un milione di casi Omicron"
Covid Uk, Johnson lancia il piano B con Green pass: "Entro 1 mese un milione di casi Omicron"
Il piano di Figliuolo: 400mila dosi di vaccino al giorno per sconfiggere la quarta ondata
Il piano di Figliuolo: 400mila dosi di vaccino al giorno per sconfiggere la quarta ondata
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni