2.099 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 11 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 3 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
21 Settembre 2022
17:09

Una giornalista è stata colpita dalla Polizia durante le contestazioni a un comizio di Meloni

Durante il comizio di Giorgia Meloni a Palermo un gruppo di contestatori sono stati caricati dalla polizia, tra loro c’era anche una giornalista di Repubblica che stava documentando i fatti. È stata colpita ripetutamente nonostante si fosse qualificata.
A cura di Tommaso Coluzzi
2.099 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Da giorni Giorgia Meloni lamentava la presenza di contestatori ai suoi comizi, chiamando in causa la ministra Lamorgese e chiedendo protezione. Secondo la leader di Fratelli d'Italia "qualcuno cerca l'incidente". A Palermo, però, durante un suo evento elettorale, la Polizia ha usato il pugno duro. Circolano da ore le immagini delle cariche degli agenti nei confronti di un gruppetto di contestatori, una cinquantina circa. Secondo quanto riportato dai cronisti presenti avevano dei cartelloni contro il fascismo sulla libertà di scelta in tema di aborto. Poi, improvvisamente, la situazione è degenerata. Secondo le forze dell'ordine un agente ha ricevuto un pugno in viso, mentre un manifestante è stato trattenuto qualche ora in caserma e poi lasciato andare.

La tensione era palpabile già dal pomeriggio di ieri, anche per via delle parole di Meloni sulle contestazioni che continuano ad aumentare nei suoi confronti. Così, in una frazione di secondo, il cordone di sicurezza della Polizia ha deciso di allontanare i manifestanti, colpendoli con manganellate e cariche. Anche se, secondo la Digos, si è trattato solamente di "iniziative di contenimento". Tra loro c'era anche una cronista di Repubblica, Alessia Candito, che è stata colpita dalla Polizia nonostante si fosse identificata come giornalista. Di seguito il comunicato del Comitato di redazione della testata romana che pubblichiamo integralmente:

Il Cdr di Repubblica esprime solidarietà alla collega della redazione di Palermo, Alessia Candito, colpita da due manganellate e fatta cadere a terra mentre documentava l'intervento della polizia nei confronti di alcuni manifestanti scesi in piazza per contestare il comizio di Giorgia Meloni. Alessia si è più volte qualificata come giornalista, ma nonostante questo le è stato impedito con violenza dalla polizia di svolgere il proprio lavoro. Il Cdr giudica inaccettabile e condanna con fermezza quanto accaduto a Palermo. Le forze dell’ordine hanno il dovere di garantire il tranquillo svolgimento di una manifestazione politica, ma ai cronisti, impegnati nelle piazze a raccontare la campagna elettorale, non deve essere negata la possibilità di documentare quanto avviene.

La polemica, però, continua. Dopo i fatti di Palermo il vicesegretario del Pd, Peppe Provenzano, è intervenuto su Twitter: "A Palermo un fatto gravissimo. Attivisti e femministe caricati, coinvolta una giornalista. Meloni nei giorni scorsi aveva quasi preannunciato questo esito. Inquietante. L’Italia è una democrazia. Alle contestazioni non si risponde con la violenza. Non torniamo al passato", ha scritto l'ex ministro dem.

È arrivata prontamente la risposta di Meloni: "Pd imbarazzante. Oggi se la prende col Ministro degli Interni del suo governo perché la Polizia ha fermato i violenti dei centri sociali che volevano impedire nostro comizio – ha twittato a sua volta la leader di Fratelli d'Italia – Ormai il Pd è un partito estremista, alleato delle peggiori frange violente. Lupi travestiti da agnelli".

2.099 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni