13.763 CONDIVISIONI
Emergenza immigrazione
16 Giugno 2021
16:24

Un pescatore di Lampedusa ha salvato 24 migranti in mare dopo un naufragio: “Lo rifarei mille volte”

Vincenzo Partinico, pescatore di Lampedusa, era in mare con la sua barca sabato notte quando si è trovato davanti allo scenario di un naufragio. L’uomo ha salvato 24 migranti dal mare: “Lo rifarei altre mille volte, non potevo mica invertire la rotta e andare via lasciandoli in mare – ha spiegato il pescatore – Una persona che ha un cuore non può farlo, non sarei riuscito a dormire la notte”.
A cura di Tommaso Coluzzi
13.763 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Emergenza immigrazione

La legge del mare, Vincenzo Partinico, la conosce bene. Da quando aveva dodici anni, prima con il nonno e poi con il padre, non ha mai abbandonato nessuno in mare. Il pescatore che sabato notte è uscito con la sua barca a Lampedusa era a trentanove miglia dalla costa, poco prima delle cinque del mattino, con le luci accese e pronto per calare le reti, quando ha sentito un urto sulla prua: erano otto persone. L'uomo racconta la sua esperienza all'Adnkronos: "Alcuni sono finiti in mare, allora insieme al ragazzo che lavora con me abbiamo iniziato a lanciare i salvagenti – spiega – Ne abbiamo recuperati due dal mare, poi tutti gli altri".

Il pescatore ha salvato la vita a 24 migranti naufragati davanti ai suoi occhi: "Ho avuto paura – racconta – Avevano i vestiti zuppi d'acqua e negli occhi spalancati il terrore di quello che avevano vissuto, avranno pensato di morire". Partinico, però, non ha avuto nessun dubbio, né avrebbe potuto fare altrimenti: "Lo rifarei altre mille volte, non potevo mica invertire la rotta e andare via lasciandoli in mare – continua – Una persona che ha un cuore non può farlo, non sarei riuscito a dormire la notte". I migranti "sono esseri umani", non c'è alcuna differenza e "chi dice il contrario è solo un cretino".

Dopo aver affidato i naufraghi alla motovedetta della Capitaneria di porto, il pescatore ha fatto ritorno sull'isola, dove è stato denunciato perché non autorizzato a stare così lontano dalla costa: "Possono farmi tutte le multe che vogliono – annuncia Partinico – tanto io lo rifarei altre mille volte". Poi dice la sua anche sulla situazione a Lampedusa: "Sull'isola i migranti non li vedi mica a passeggio per le strade, una volta sbarcati vengono condotti nell'hotspot e davanti le nostre coste ci sono le navi quarantena – spiega – Non abbiamo paura, ma certo non si può dire accoglienza lasciarli ammassati come animali dentro un centro". Tra i molti messaggi di supporto arrivati al pescatore c'è anche quello dell'Ong Mediterranea Saving Humans: "La legge del mare e dell'umanità valgono di più di qualsiasi ordine dato da persone ciniche che usano il potere per far morire – si legge in un tweet – Noi siamo con te".

13.763 CONDIVISIONI
274 contenuti su questa storia
Migranti, 100 persone in difficoltà vicino a Malta. Alarm Phone: "Soccorretele ora"
Migranti, 100 persone in difficoltà vicino a Malta. Alarm Phone: "Soccorretele ora"
La Procura di Agrigento chiede di indagare sulla Guardia costiera libica dopo gli spari sui migranti
La Procura di Agrigento chiede di indagare sulla Guardia costiera libica dopo gli spari sui migranti
Ocean Viking ancora in mare, tensioni a bordo: un uomo si getta dalla nave
Ocean Viking ancora in mare, tensioni a bordo: un uomo si getta dalla nave
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni