227 CONDIVISIONI
28 Gennaio 2022
11:03

Treviso, penale di mille euro se ti licenzi prima. La Cgil di Treviso: “Inaccettabile”

Una penale di mille euro inserita nel contratto a tempo determinato per impedire che il lavoratore si licenzi prima del previsto. Una tasse sui generis che ha fatto scattare immediatamente all’attacco la Cgil di Treviso: “Abbiamo registrato decine di questi contratti nell’ultimo anno”.
A cura di Elia Cavarzan
227 CONDIVISIONI
Alberto Irone Segretario provinciale Filcams Cgil Treviso
Alberto Irone Segretario provinciale Filcams Cgil Treviso

“Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022”, spiega Alberto Irone, segretario provinciale FilcamsCgil, “sono venuti in sede da noi decine di lavoratori, appartenenti ad aziende della ristorazione, perché i loro datori di lavoro stavano allegando ai contratti individuali clausole capestro”. Una penale da mille euro in caso di retrocessione anticipata dal contratto: “Se ad esempio un cameriere assunto per due mesi a tempo determinato dovesse dimettersi o lasciare il posto di lavoro prima, dovrebbe pagare una multa salatissima, anche superiore alla paga base”.

Arrabbiati e stanchi di essere sfruttati: questo è l’identikit dei lavoratori che si sono rivolti al sindacato. Dall'altra parte invece, piccoli imprenditori che non riescono ad assumere stabilmente, vessati dalle chiusure pandemiche ed impauriti dall'aumento delle bollette.

La denuncia del lavoratore viene così raccontata da Alberto Irone: “Si è presentato da me in ufficio questo ragazzo mostrandomi il suo contratto. Era arrabbiato e risoluto. Voleva arrivare fino in fondo. Siamo intervenuti immediatamente come se si trattasse di un tentativo di intimidazione nei confronti del lavoratore e come se fosse un atto vessatorio nei suoi confronti”.

La disciplina giuridica sul tema è molto chiara: “Se sono assunto a tempo determinato e mi voglio allontanare prima del termine, in linea teorica il datore di lavoro può rivalersi per il periodo che lascio scoperto", incalza Alberto Irone, “ma in questo caso siamo in un terreno totalmente diverso. Vengono definite penali consensuali e vanno a completo svantaggio del lavoratore”.

Ora è in corso la vertenza sindacale impugnata in seguito alla consensualità a procedere che la Cgil ha ottenuto dai lavoratori che a lei si sono rivolti. Ad oggi, sono stati già fermati una decina di contratti di questo tipo e giorno dopo giorno sembrano spuntarne di altri.

Nel frattempo, il Capogruppo Dem in Consiglio Regionale Veneto, Vanessa Camani ha presentato un’interrogazione urgente perché si faccia chiarezza sul fenomeno che ha espressamente definito “un inaccettabile ricatto nei confronti dei più deboli”. Sempre in nota ufficiale, anche la Confcommercio e la Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) di Treviso hanno espresso rifiuto nei confronti di questi atteggiamenti e ribadito l’importanza dei contratti di lavoro nazionali.

227 CONDIVISIONI
Poliziotto ubriaco investe 17enne: Davide muore sul colpo, agente arrestato per omicidio stradale
Poliziotto ubriaco investe 17enne: Davide muore sul colpo, agente arrestato per omicidio stradale
Treviso, auto si schianta contro un albero: Samira muore dopo la serata in discoteca a Jesolo
Treviso, auto si schianta contro un albero: Samira muore dopo la serata in discoteca a Jesolo
Vive per 9 mesi col cadavere del figlio per incassare pensione invalidità: ogni giorno gli comprava un cornetto
Vive per 9 mesi col cadavere del figlio per incassare pensione invalidità: ogni giorno gli comprava un cornetto
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni