Dramma nelle prime ore di giovedì a Carbonia, nel Sud Sardegna. Una giovane donna di 25 anni è morta dopo essere rimasta improvvisamente soffocata da un boccone di cibo che stava mangiando. La tragedia è avvenuta in pochi attimi durante la colazione che la ragazza stava consumando nella sua abitazione. Le informazioni fornite al momento sull'accaduto da parte dai carabinieri della Compagnia di Carbonia, intervenuti sul posto, sono frammentarie, ma per lei sarebbero stati inutili i successivi soccorsi da parte dei familiari che hanno anche chiamato il 118.

La giovane sarebbe deceduta per soffocamento causato dall'ostruzione delle vie respiratorie. Dai primi accertamenti sono state escluse altre cause per la morte. A quanto pare si è trattato di una tragica fatalità che ha trasformato in pochi istanti quella che doveva essere una tranquilla colazione in un dramma. Ne sono convinti anche i militari dell'arma e gli inquirenti che, almeno per il momento, non hanno disposto nessun esame autoptico sul corpo della vittima, autorizzando la restituzione della salma ai familiari per i funerali.

Da quanto si è appreso in effetti pare che la giovane fosse già stata soccorsa altre volte proprio per principi di soffocamento. La 25enne era solita portarsi a letto del cibo e in alcuni casi sono dovuti intervenire i genitori per aiutarla ad espellere il boccone. È possibile che si sia successa una cosa analoga anche questa mattina: dopo aver fatto colazione, si sarebbe ritirata in camera continuando a mangiare, ma un pezzo probabilmente più grosso del previsto le ha ostruito le vie respiratore. Inutili in questo caso le manovre dei genitori e quelle degli operatori del 118 che hanno dovuto constatarne il decesso sul posto.