Tragedia in Emilia, dove un ragazzo di soli 15 anni, Andrea Tonelli, è morto nel sonno nella sua casa a La Brugna, frazione di Casina, nell'Appennino in provincia di Reggio Emilia. Il giovane è stato trovato senza vita nel suo letto dai familiari ieri mattina intorno alle otto. Sarebbe stato colto da un arresto cardiaco. A nulla sono valsi i tentativi dei soccorritori, giunti immediatamente nell'abitazione, dove il 15enne viveva insieme alla madre Silvia e alla sorella Giorgia: ne hanno potuto solo dichiarare il decesso. Solo il giorno prima era morto il nonno di Andrea, Brenno Lolli, 82 anni, dopo una lunga malattia.

Il giovane non aveva problemi di salute particolari, stando a quanto riporta la stampa locale: aveva giocato a calcio nelle Terre Matildiche e praticava ciclismo e mountain bike. La famiglia ha fissato le esequie che si sono svolte oggi pomeriggio. Ed ora Andrea riposa al cimitero proprio di fianco alla tomba del nonno. Sotto choc i compagni di classe, dal momento che Andrea frequentava la prima classe dell’Istituto superiore Nobili di Reggio. "La comunità di Casina tutta si stringe attorno ai famigliari del giovane Andrea. Si resta senza parole dinnanzi al mistero della morte, lo smarrimento dei genitori è quello di un intero Comune che oggi perde il giovane Andrea con i suoi sogni e progetti. Andrea raggiunge il nonno Brenno Lolli, 82 anni, scomparso solo 24 ore prima. Dolore che si aggiunge al dolore. Giungano le nostre più sentite condoglianze e l'abbraccio di tutta la nostra comunità", ha detto il sindaco di Casina, Stefano Costi, aggiungendo: "Da parte mia, di tutta l’amministrazione e a nome dell’intera Vezzano porgo le più sentite condoglianze alla madre Silvia, al papà Paolo, alla sorella Giorgia e a tutti i componenti della famiglia colpita da questo tremendo lutto. Sono certo che la nostra comunità, che si è sempre dimostrata molto unita, saprà stare accanto alla famiglia di Andrea, così come farà questa amministrazione".