700 CONDIVISIONI
Covid 19
1 Dicembre 2021
12:11

Torino, medico racconta: “Tra i miei pazienti No vax insospettabili, per loro sono un idiota”

Giorgio Diaferia, medico di famiglia nella periferia di Torino, racconta il rapporto con i suoi pazienti: “Provo a convincerli a vaccinarsi ma non si fidano”.
A cura di Gianluca Orrù
700 CONDIVISIONI
Il Dottor Giorgio Diaferia
Il Dottor Giorgio Diaferia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il quartiere Madonna di Campagna è nella periferia nord ovest di Torino, i palazzi sono molto alti e la zona è ad alta densità abitativa. Il Dottor Giorgio Diaferia esercita qui da trent'anni e quando è arrivato il primo lockdown è rimasto sempre aperto. "In questa zona – racconta – i presidi ospedalieri sono lontani, così i miei pazienti si rivolgono a me quasi per tutto, non potevo far mancare il mio appoggio durante la prima ondata".

Un appoggio che gli è costato l'infezione da coronavirus, da cui è guarito, e da qualche settimana anche la terza dose del vaccino. "Ho visto molti dei miei pazienti ammalarsi – spiega Diaferia a Fanpage.it – molti guarire e anche qualche decina morire, purtroppo. Ciononostante ho pazienti che non sono convinti dell'utilità del vaccino e non appartengono a una categoria ben definita, sono principalmente tra i 40 e i 50, ma anche diversi giovani, insospettabili da ogni classe sociale, dagli insegnanti ai magazzinieri".

Dal microchip iniettato, ai "vaccini che non sono sicuri" o che "non si sa cosa c'è dentro", alle mutazioni genetiche, passando per il complottismo e big pharma. "Un ragazzo di 35 anni proprio oggi mi ha comunicato che non si vaccinerà. Fa l'agente immobiliare e dice che ‘per lui basta tenere la mascherina', anche se non sono convinto che siano tutti molto rispettosi delle regole, che cambino regolarmente la mascherina chirurgica due volte al giorno o che pratichino il distanziamento sociale negli spazi chiusi".

"Non me lo dicono con chiarezza – spiega il Dottor Giorgio Diaferia – ma penso alcuni di loro mi considerino ‘poco furbo', per non dire un idiota, perché cerco di spiegare loro l'importanza del vaccino; altri ancora mi fanno intendere che pensano che noi medici siamo ‘tutti d'accordo' tra noi. La cosa più interessante però è che la loro sfiducia si limita al Covid e a tutto quello che lo riguarda. Sugli altri malanni continuano a fidarsi di noi medici. Prendono farmaci magari che non devono ma li prendono volentieri, dicono che sanno cosa c'è dentro. Sono pronti a fare terapie farmacologiche anche poco utili e a fare esami di diagnostica anche molto complessi piuttosto che farsi il vaccino contro il Covid".

700 CONDIVISIONI
29695 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni