18 Maggio 2022
12:18

Tomasi, atleta paralimpico: “Dopo la pandemia nessuna attenzione per noi, mai visto un declino così”

“Quando sei un atleta disabile e alle maratone ti fanno partire per ultimo ti senti come se non avessi valore”: Mauro Tomasi, in carrozzina dagli anni 2000, ci racconta come la pandemia si sia portata via l’attenzione verso il mondo della disabilità sportiva.
A cura di Elia Cavarzan

Grintoso, sorridente, felice. Andiamo a trovare Mauro Tomasi nella sua città, Riva del Garda, in provincia di Trento. Qui, tutti lo salutano e si fermano per fare due parole. Conoscono lui, la sua storia e le sue imprese. All'inizio del 2000 un incidente in moto lo costrinse in carrozzina con la sola mobilità di un braccio, il destro. Con quell'unico braccio ha sfidato l'impossibile portando a casa trofei e coppe da tutto il mondo. Le maratone sono la sua specialità, sono il suo forte "sì" alla vita che continua.

Se prima partecipava alle maratone con grinta e coraggio, oggi, si sente sempre un po' abbattuto ogni volta che si deve inscrivere. "Ho partecipato alla maratona di Roma", ci spiega, "e oltre ad aver pagato per partecipare, di solito gli atleti disabili non l'hanno mai pagata, ci hanno fatto partire per ultimi". Ultimi di tutti. "Immagina cosa vuol dire partire per ultimo. Nessuno ti vede, nessuno si accorge di te. Non riesci neanche a veicolare nessun messaggio. Come se non valessi niente".

C'è una nota di sconforto nell'incedere dei suoi pensieri. "Dopo la pandemia, con la ripresa delle competizioni, ho notato un forte declino nel mondo dello sport". Mauro Tomasi si riferisce alle attenzioni che vengono prestate agli atleti come lui. "Alla maratona di Padova non avevano i bus navetta con le pedane per i disabili. Fortuna che il mio accompagnatore aveva la bici per tornare indietro a prendere l'auto, altrimenti, finita la maratona avrei dovuto tornare indietro con la carrozzina".

Ancora alla maratona Lake Garda 42: "Anche qui, sono partito per ultimo. Nessuno ti vede, ti devi arrangiare, queste sono le condizioni se vuoi partecipare". Mauro Tomasi spera che tutto questo possa cambiare: "Io continuo senza mollare, questa è la mia vita e sensibilizzare su questi temi credo sia fondamentale per incoraggiare tutte quelle persone disabili che vogliono continuare a correre nella vita".

Perde l'uso delle gambe in Afghanistan ora è atleta paralimpico:
Perde l'uso delle gambe in Afghanistan ora è atleta paralimpico: "Onoro la mia vita anche in carrozzina"
Ondate di calore e cambiamenti climatici: perché il mar Mediterraneo non è mai stato così caldo
Ondate di calore e cambiamenti climatici: perché il mar Mediterraneo non è mai stato così caldo
Martina Patti ha ucciso Elena dicendole che andavano in un posto mai visto: “La colpivo ma non guardavo”
Martina Patti ha ucciso Elena dicendole che andavano in un posto mai visto: “La colpivo ma non guardavo”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni