1.561 CONDIVISIONI
Covid 19
22 Marzo 2021
11:29

Terapie intensive sotto pressione in Italia, la situazione regione per regione

Aumenta la pressione sulle strutture ospedaliere in Italia a causa della terza ondata di Coronavirus. A livello nazionale è stata superata di gran lunga la soglia critica del 30% di occupazione dei posti letto in terapia intensiva riservati ai pazienti Covid, ma la situazione varia da regione a regione: attenzione soprattutto a Marche, Trento, Lombardia, Umbria ed Emilia Romagna.
A cura di Ida Artiaco
1.561 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Sale ancora la pressione sugli ospedali italiani alle prese con la terza ondata di Coronavirus. Nel corso dell'ultima settimana i nuovi casi hanno finalmente cominciato a scendere. Per ora si tratta di un calo molto limitato, dell’1,6%, che però fa ben sperare per un appiattimento della curva del contagio. Ma a peggiorare è proprio il dato sulla saturazione degli ospedali. Solo ieri nei reparti dedicati alle persone colpite dal Covid-19 erano ricoverati 30.932 pazienti, contro i 27.600 di domenica 15 marzo. L’aumento è, dunque, di 3.332 letti, cioè del 12%. Da giorni infatti a livello nazionale è stata superata, per quanto riguarda l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva, la soglia critica del 30% individuata dal decreto del Ministro della Salute del 30/4/2020, arrivata al 38%, secondo quanto emerge dai dati di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, aggiornati al 21 marzo 2021. Anche nelle aree non critiche è stata superata la soglia critica del 40%, arrivando al 42%.

Ma la situazione è molto varia e cambia a seconda delle regioni. Nelle Marche, ad esempio, è ancora emergenza: qui la soglia critica dei posti letto in terapia intensiva è stata superata di oltre 20 punti, arrivando a quota 61%. Non va meglio nella provincia autonoma di Trento (58%), Lombardia (57%), in Umbria (52%) e in Emilia Romagna (52%): qui da una settimana è stato raggiunto il picco dei ricoveri nell'area di Bologna ma la pressione sulle strutture ospedaliere è ancora forte. Leggero aumento della saturazione anche in Piemonte, arrivato al 55% dell'occupazione dei posti letto in area critica, facendo segnare un incremento di 3 punti percentuali rispetto alla precedente rilevazione. Oltre la soglia critica anche il Friuli Venezia Giulia (46%), la Toscana (41%), l'Abruzzo (40%) e la Puglia (37%), dove nelle ultime ore la pressione è salita talmente da spingere Guido Quaranta, responsabile del pronto soccorso dell’ospedale San Paolo di Bari, a chiedere alla centrale operativa del 118 lo stop dei ricoveri per almeno 48 ore. Poco sopra la soglia critica c'è il Lazio (34%) e leggermente sotto troviamo la Campania (28%) e la Liguria (27%), dove tuttavia si osserva un leggero miglioramento, facendo segnare una diminuzione di due punti percentuali rispetto ai dati precedenti.

1.561 CONDIVISIONI
31035 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni