942 CONDIVISIONI
Emergenza lavoro
1 Luglio 2022
17:55

“Sono una vecchia tata senza diritti, mi dicono ‘brava’ e poi assumono in nero: questo non è giusto”

Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una donna che da 20 anni fa la tata. Un lavoro grazie al quale riceve tanti “bravissima” ma che non le dà la possibilità di poter fare un mutuo né una vacanza: “E ora ha 60 anni sono di nuovo a un bivio”.
942 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una donna di 60 anni che da 20 ormai lavora come tata: "Una vecchia tata di quelle che si usavano una volta", ci racconta, spiegando però di non aver mai ottenuto il giusto riconoscimento per il suo lavoro. "Ora sono di nuovo ad un bivio, accettare di nuovo di mantenermi un contratto di 25 ore senza avere un giusto stipendio, il giusto riconoscimento per le mansioni effettive ed un aumento di 38 euro spacciato per chissà quale favore o mandare tutto al diavolo e ricominciare altrove, un'altra volta con la speranza di farmi apprezzare".

Io sono una tata. Sì, una vecchia tata di quelle che si usavano una volta. Separata e costretta dopo la separazione a cercarmi tutti lavori saltuari perché non avevo nessuno che mi curasse la famiglia, sono finita a fare la tata in famiglia, con tantissimi grazie, tantissimi sei bravissima, tantissime richieste di fare questo o quello in aggiunta a quello che già faccio – dal cucinare il cinghiale appena cacciato allo stendere i panni "ora che c'è il sole" passando per il lavaggio anche della tazzina del caffè appena bevuto e sempre lasciata sul lavatoio per me – e senza MAI ottenere quello che mi spetta per legge.

Dai mezzi contratti, un parte in nero e una in bianco ai "lo stiamo facendo per te", senza potermi permettere niente, né un mutuo per poter avere una casa come tutti, né una vacanza, né la soddisfazione di qualche risparmio in banca.

Ora sono di nuovo a un bivio, accettare di nuovo di mantenermi un contratto di 25 ore senza avere un giusto stipendio, il giusto riconoscimento per le mansioni effettive ed un aumento di 38 euro spacciato per chissà quale favore o mandare tutto al diavolo e ricominciare altrove, un'altra volta con la speranza di farmi apprezzare.

Stavolta.

Perché stavolta forse finalmente trovo la famiglia giusta.
Ma io ho 60 anni, faccio questo lavoro da quando ne avevo 40 e non è giusto tutto questo.

Invia la tua segnalazione qui

942 CONDIVISIONI
81 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni