507 CONDIVISIONI
Cosa sappiamo sul Long Covid, gli effetti a lungo termine del Coronavirus
12 Maggio 2022
18:51

Soffre di Long Covid la metà dei pazienti che finiscono in ospedale, sintomi dopo 2 anni: lo studio

Secondo uno studio eseguito in Cina circa il 50% dei pazienti Covid finiti in ospedale presenta almeno un sintomo persistente fino a due anni dopo l’infezione. Tra i più segnalati ci sono affaticamento, mancanza di respiro e difficoltà di sonno.
A cura di Ida Artiaco
507 CONDIVISIONI
Foto di repertorio
Foto di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cosa sappiamo sul Long Covid, gli effetti a lungo termine del Coronavirus

Il 50% dei pazienti che finiscono in ospedale dopo essere stati contagiati soffre di Long Covid, con sintomi che persistono fino a due anni dopo la fase acuta dell'infezione. È quanto emerge dallo studio di follow-up in materia più lungo fino ad oggi, pubblicato nelle scorse ore su The Lancet Respiratory Medicine. La ricerca è stata realizzata prendendo in considerazione 1.192 pazienti, con età media di 57 anni, malati di Covid e ricoverati a Wuhan in Cina tra il 7 gennaio e il 29 maggio 2020, dunque durante la prima fase della pandemia nel 2020.

Il Covid peggiora la qualità della vita di chi si ammala

Sebbene la salute fisica e mentale sia generalmente migliorata nel tempo – la quota di chi riferiva sintomi dopo due anni è infatti più bassa rispetto al 68% che riportava problemi associati alla malattia a 6 mesi di distanza dalla guarigione -, l'analisi suggerisce che i pazienti Covid tendono comunque ad avere ancora una salute e una qualità di vita peggiori rispetto alla popolazione generale.

I sintomi più segnalati del Long Covid

Tra i sintomi più frequenti, anche a 24 mesi di distanza dall'infezione, ci sono affaticamento, mancanza di respiro e difficoltà di sonno. Nello specifico, tra i più segnalati ci sono affaticamento o debolezza muscolare riportati dal 52% dei pazienti al follow up a 6 mesi e dal 30% dopo due anni. I pazienti di Covid-19, secondo quanto emerso dallo studio, hanno anche maggiori probabilità di segnalare altri sintomi tra cui dolori articolari, palpitazioni, vertigini e mal di testa. Nei questionari sulla salute mentale, il 35% ha riferito di dolore o disagio e il 19% ha riferito di ansia o depressione. I partecipanti che hanno sofferto di long Covid hanno anche segnalato più spesso problemi con la loro mobilità (5%) o livelli di attività rispetto al gruppo di controllo (1%).

La parola agli esperti

"I nostri risultati indicano che per una certa percentuale di sopravvissuti al Covid-19 ricoverati in ospedale, sono necessari più di due anni per riprendersi completamente – ha spiegato il professor Bin Cao, del China-Japan Friendship Hospital. Il follow-up continuo dei sopravvissuti al Covid-19, in particolare di quelli con sintomi di long Covid, è essenziale per comprendere il decorso a lungo termine della malattia, così come per analizzare meglio i benefici dei programmi di riabilitazione. C'è una chiara necessità di fornire supporto continuo a una percentuale significativa di persone che hanno avuto il Covid-19 e di capire come i vaccini, i trattamenti emergenti e le varianti influenzino i risultati sanitari a lungo termine".

507 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni