Ha tentato di uccidere il marito diabetico iniettandogli una dose eccessiva di insulina e mandandolo in coma. Per questo è stata arrestata a Carlentini, in provincia di Siracusa, una donna di 70 anni, che dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio aggravato, mentre l'uomo, 72 anni, è stato trasferito in ospedale a Lentini ma non sarebbe in pericolo di vita. La donna è stata fermata dopo alcune testimonianze raccolte dagli investigatori, in particolare quella della figlia che avrebbe avuto sospetti sulla madre e ne avrebbe discusso con gli agenti che hanno poi rintracciato e sequestrato la siringa incriminata.

La donna, con problemi di natura nervosa, è stata messa ai domiciliari nel reparto di psichiatria di un ospedale siracusano. Nelle prossime ore sarà sentita per l'interrogatorio di garanzia. "La testimone, non presente nel momento in cui la vittima ha accusato la grave crisi ipoglicemica con coma diabetico, è intervenuta – si specifica dalla Questura di Siracusa – alcuni minuti dopo durante le fasi esecutive del soccorso. In quel contesto, la testimone ha rinvenuto all’interno della borsa dell’indagata una siringa contenente liquido incolore, il cui odore ha indotto a ritenere che fosse insulina". A quel punto, dopo aver svolto gli accertamenti del caso, la 70enne è stata fermata.