7 Maggio 2018
18:19

Scomparsi a Palermo: ritrovato e arrestato Guzzardo. È accusato di aver ucciso Alario

Ritrovato e arrestato il barista di Palermo scomparso insieme al compaesano Santo Alario, 42 anni, lo scorso 7 febbraio. Giovanni Guzzardo era nascosto in un casolare di Termini Imerese. La rabbia della madre di Alario: “Ho pianto tutte le mie lacrime, mi dica che fine ha fatto mio figlio”.
A cura di Angela Marino
Giovanni Guzzardo e Santo Alario
Giovanni Guzzardo e Santo Alario

Svolta nelle indagini sulla scomparsa dei due palermitani. Giovanni Guzzardo, uno dei due uomini che hanno fatto perdere le loro tracce a Caccamo (Palermo) il 7 febbraio scorso, è stato ritrovato dai carabinieri nelle campagne di Termini Imerese, e arrestato per l'omicidio dell'altro, Santo Alario. "Deve dire tutto. Voglio sapere tutto su quello che ha fatto. Io da madre devo essere informata, devo sapere che fine ha fatto mio figlio", così nna Maria Musso, la madre di Santo Alario, riferendosi a Guzzardo.

Marianna Musso, madre di Santo Alario
Marianna Musso, madre di Santo Alario

La scomparsa

Il 46enne titolare di un bar a Capaci si è allontanato con Santo Alario, 42 anni residente a Carini, e impiegato nel suo bar. A immortalare quell'ultimo viaggio è stato proprio Santo con il suo cellulare, proprio mentre lasciava Capaci in compagnia del suo capo. I video sono stati mostrati da Rosalia Sparacio, compagna di Salvo, alla polizia. La scomparsa è stata denunciata dalla donna nelle ore immediatamente successive all'invio delle immagini, dando immediatamente inizio alle ricerche che, tuttavia, hanno visto coinvolta in misura maggiore la famiglia di Alario. "Sto impazzendo – ha continuato a dire per mesi Anna Maria Musso, la madre – Io non capisco cosa doveva andare a fare mio figlio in quei posti sperduti. Non riesco a dormire. Sono una donna distrutta. Chiedo e imploro di sapere cosa sia successo a mio figlio".

La Panda abbaondonata

Primo inquietante indizio di un evento tragico, il ritrovamento, in aperta campagna, nella zona di Caccamo, a circa 400 metri di distanza dal lago Rosamarina, della Fiat Panda dove viaggiavano i due siciliani. A fare il ritrovamento i carabinieri del militari del comando provinciale di Palermo che hanno provveduto a rilevare le impronte. Le indagini durante tre mesi, sono arrivate alla svolta con l'arresto di Guzzardo in un casolare di Termini Imerese. Per tutti questi mesi l'uomo era rimasto rintanato nella cascina senza dare notizie di sé in una sorta di latitanza. Ancora oscuro il movente che avrebbe portato al presunto assassinio di Alario, di cui, ad oggi non è stato trovato il corpo.

I dubbi

"È tre mesi che piango per la fine di mio figlio – si sfoga mamma Marianna – Tre mesi che non ho  pace. Non lo auguro a nessuno. Ho tante domande che mi frullano  per la testa. Come è possibile che solo un uomo abbia potuto  sopraffare mio figlio alto quasi due metri? Era da solo in campagna? È stato aiutato da qualcuno? Spero che adesso i carabinieri mi facciano sapere qualcosa". "Noi abbiamo sempre parlato – conclude – I familiari di Guzzardo si sono chiusi nel più totale silenzio. Evidentemente sapevano quello che era successo. Per questo non parlavano per paura di dire qualcosa di sbagliato".

Il mistero del cadavere ritrovato nell’Etna e l’ipotesi Mauro De Mauro, giornalista scomparso
Il mistero del cadavere ritrovato nell’Etna e l’ipotesi Mauro De Mauro, giornalista scomparso
"Non ci sentiremo per un po'", ritrovati Nicholas ed Emanuele, gli amici 16enni scomparsi da Pesaro
"Non ci sentiremo per un po'", ritrovati Nicholas ed Emanuele, gli amici 16enni scomparsi da Pesaro
Scarcerato 1727wrldstar, "ho preso il muro fratellì" è accusato di aver picchiato la fidanzata
Scarcerato 1727wrldstar, "ho preso il muro fratellì" è accusato di aver picchiato la fidanzata
403 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni