151 CONDIVISIONI
Scomparsa Saman Abbas
23 Novembre 2022
18:47

Saman Abbas, al via le operazioni di recupero del cadavere: “Fondamentale il racconto dello zio Danish”

Si è conclusa oggi la prima giornata di lavori per il recupero del cadavere che si ritiene appartenga a Saman Abbas. A indicare il luogo, a Novellara, lo zio Danish, come spiegato dal suo avvocato.
A cura di Chiara Ammendola
151 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Scomparsa Saman Abbas

Sono iniziate questa mattina le operazioni di recupero dei resti ritrovati all'interno di un rudere a Novellara, in provincia di Reggio Emilia, che si ipotizza appartengano a Saman Abbas, la 18enne uccisa dai famigliari per aver rifiutato un matrimonio combinato. La prima parte del sopralluogo, effettuato alla presenza dell'anatomopatologa Cristina Cattaneo e dell'archeologo forense Dominic Salsarola, i due periti nominati dalla Corte d'Assise, si è conclusa nel pomeriggio.

Il cadavere, che si trova all'interno di un sacco nero, è stato individuato all'interno di una buca profonda circa due metri all'interno di un casolare diroccato a poche centinaia di metri di distanza dall'abitazione della famiglia di Saman. Secondo quanto si apprende non sarebbe stato fatto a pezzi, come invece riferito in un primo momento da uno dei cugini della 18enne accusato di omicidio e occultamento così come lo zio e un secondo cugino, e i genitori della giovane.

La richiesta ai periti è di recuperare ed esaminare i resti e gli altri reperti emersi dallo scavo in Strada Reatino, a Novellara. Gli stessi sono poi chiamati ad accertare le dinamiche e l'epoca dell'occultamento, le cause e i tempi della morte anche con esami tossicologici e infine se si tratti proprio di Saman Abbas. I periti hanno due mesi di tempo per consegnare le conclusioni. Le operazioni, secondo quanto appreso, riprenderanno domattina alle ore 10.

E sarebbe stato lo zio della giovane, Danish Hasnain, a indicare agli inquirenti dove scavare, così come spiegato dall'avvocato dell'uomo, Liborio Cataliotti: "La collaborazione di Danish c'è stata e lo dice l'atto del verbale di rinvenimento del cadavere, con la sua presenza in loco, messo a disposizione stamattina dalla Procura per noi difensori".

"Non ipoteco il futuro processuale del mio assistito e non commenti atti in divenire o non ancora realizzati – ha spiegato il nuovo legale che ha incontrato Danish in carcere ieri e lunedì per la prima volta – quello che posso dire è che effettivamente ha dato il suo apporto. Che ce ne sia uno ulteriore, staremo a vedere il prosieguo. Ad ora non saprei, perché significherebbe prevedere sviluppi di un processo difficile e richiederebbe un'introspezione psicologica della persona che non è facile per me che lo conosco da solo due giorni".

151 CONDIVISIONI
138 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni