7 Febbraio 2021
15:19

Rovigo, 17enne uccide il padre a colpi di machete

Figlio 17enne ammazza il padre a colpi di machete. Orrore in un campo nomadi a Sant’Apollinare in provincia di Rovigo. Perde la vita Eddy Cavazza di 46 anni, padre di 5 figli.
A cura di Elia Cavarzan

Giovedì sera, tra le 18 e le 19, a Sant'Apollinare in provincia di Rovigo, nel campo nomadi che sorge in via Risorgimento, il 17enne avrebbe ucciso a colpi di machete il padre , Eddy Cavazza di 46 anni padre di 5 figli. Orrore senza fine per gli abitanti della cittadina. Stando alle prime ricostruzioni, dopo una furiosa litigata, il ragazzo avrebbe colpito il padre con il machete, prima in roulotte e poi nella stradina dell'isolato mentre cercava di mettersi probabilmente in salvo. Il 17enne sarebbe poi scappato a bordo di una Opel Zafira assieme ad un'amica di Ceregnano avvisando al telefono un conoscente che il padre era ferito. Nel corso della stessa notte è stato intercettato e fermato dagli agenti.

Sul luogo è sopraggiunta la scientifica che ha raccolto tutti gli indizi dell'omicidio mentre gli agenti della mobile hanno registrato le testimonianze dei Rom e dei vicini di casa. La furia del ragazzo si sarebbe scatenata in seguito ad una lite furiosa, che a detta dei parenti era una dinamica ormai frequente tra i due, sfociata con i colpi di machete sul padre: prima nella roulotte e poi anche in strada. Attorno alle 22 è sopraggiunta sul luogo la Pm Maria Giulia Rizzo accompagnata da Gianluca Gentiluomo, capo della squadra mobile.

La vicina di casa, dove a 20 metri dalla cucina è stato rinvenuto il corpo di Eddy, racconta come quella notte i cani abbiano iniziato ad abbaiare furiosamente e quando sono usciti per controllare, si sono trovati gli agenti che gli dicevano che era stato commesso un omicidio. "Abbiamo preso tanta paura perché non ci siamo accorti di niente e abbiamo visto il corpo contorto a terra vicino al nostro cancello. Abbiamo passato la notte in bianco per la paura", spiega la signora. "Fino a luna di notte gli agenti hanno lavorato per far procedere le indagini, ci hanno transennato il cancello per non far passare nessuno. Noi non sapevamo niente: chi l'aveva ucciso, se stava scappando da suo figlio. Niente. Abbiamo veramente avuto paura".

Alex Pompa assolto per l’omicidio del papà violento: “Non ho mai smesso di voler bene a mio padre”
Alex Pompa assolto per l’omicidio del papà violento: “Non ho mai smesso di voler bene a mio padre”
Ferito da un colpo di pistola alla testa a Noto, morte cerebrale per il 17enne
Ferito da un colpo di pistola alla testa a Noto, morte cerebrale per il 17enne
Sassuolo, uccide moglie, suocera e i figli di 5 e 2 anni: poi si suicida
Sassuolo, uccide moglie, suocera e i figli di 5 e 2 anni: poi si suicida
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni