10 Novembre 2011
18:26

Roma, agguato in piazza Nicosia: ferito un pregiudicato

Ennesima aggressione nel pieno centro della città: un pregiudicato è stato ferito da due uomini in motocicletta, probabilmente per un regolamento di conti. Il Pd commenta la vicenda contestando l’operato del sindaco Alemanno.
A cura di Susanna Picone

Roma capitale degli agguati: ieri sera si è verificata ancora un’aggressione nella città che, dall’inizio dell’anno, conta ben quattro situazioni simili compresa quest’ultima. A piazza Nicosia, verso le 23 di ieri sera Paolo Marcoccia, un pregiudicato di 48 anni gestore di una sala da giochi, è stato ferito all’addome da alcuni colpi di pistola. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero stati due uomini a bordo di una motocicletta nera ad avvicinare l’uomo e ad aprire il fuoco, probabilmente per un regolamento di conti: Marcoccia ha alle spalle diversi precedenti per associazione a delinquere, stupefacenti, rapina e gioco d’azzardo.

“Il problema della sicurezza a Roma, come vogliono far credere Alemanno e il Pdl, non sono i romeni e i rom ma si chiama criminalità organizzata.”
Athos De Luca, Pd
La vittima dell’agguato è stata subito portata nell’ospedale Santo Spirito, è stato operato e non si troverebbe in pericolo di vita: stamattina, infatti, le sue condizioni apparivano stabili e presto sarà interrogato dalla polizia che indaga sulla vicenda. Il sindaco della città di Roma Gianni Alemanno è intervenuto dichiarando che questo agguato rientra sicuramente nella guerra tra bande per la contesa della droga nella capitale: per il sindaco serve una “strategia complessiva” e “uno sforzo di intelligence da parte della magistratura e delle forze dell’ordine”. Alemanno chiede allo Stato di concentrare la sua attenzione sulla capitale: “La grande criminalità organizzata non c’è ancora, ma va contrastata la pretesa delle bande di occupare il territorio”. 

Il Pd accusa Alemanno: "Roma è senza controllo"

Anche il Pd ha commentato con preoccupazione l’ultimo agguato di Roma: c’è chi parla di una città senza controllo e chi chiede le dimissioni di Alemanno:

L’ennesima sparatoria di questa notte dimostra che Roma è ormai una città senza controllo, dove bande di criminali possono bellamente fare a “pistolettate” in pieno centro storico. Dov’è la tanto decantata sicurezza promessa dal sindaco Gianni Alemanno durante la campagna elettorale del 2008?

Un parere, quello di Marco Miccoli, segretario romano del Pd che si sposa con le dichiarazioni di molti altri esponenti dell’opposizione. Secondo Vannino Chiti, commissario del Pd del Lazio e vice presidente del Senato “la frequenza con cui questi episodi si susseguono è sconcertante oltre che allarmante”:

La capitale è in balia degli scontri tra bande criminali che si contendono affari e interessi. Anche la dinamica di questi agguati, in base alle ricostruzioni, testimonia il fatto che si tratta di esecutori esperti e non killer improvvisati. Ci si trova di fronte al fallimento di una impostazione delle politiche sulla sicurezza su cui il sindaco Alemanno ha puntato: un approccio superficiale e propagandistico che si è rivelato vuoto di contenuti e risultati.

“Abbiamo un sindaco gerarca che vieta i cortei e ha paura di tutto perché non sa amministrare”: forti anche le dichiarazioni del senatore dell’Italia dei Valori Stefano Pedica secondo il quale ora, dopo le dimissioni di Berlusconi, tocca al Alemanno seguire la stessa strada.

"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
Restaurato il murale per Noemi, bimba ferita dalla camorra: era stato vandalizzato a febbraio
Restaurato il murale per Noemi, bimba ferita dalla camorra: era stato vandalizzato a febbraio
Bimba di quattro anni precipita dal terzo piano a Macerata, sul collo anche una ferita da taglio
Bimba di quattro anni precipita dal terzo piano a Macerata, sul collo anche una ferita da taglio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni