Casi di influenza aviaria H5N8 sono stati individuati in un allevamento familiare a Lugo, nella provincia di Ravenna. È stata riscontrata la positività al virus di due gru. Le gru, secondo quanto riporta una nota, "hanno manifestato sintomi neurologici prima di venire a morte" e nello stesso allevamento "erano presenti pochi soggetti della specie Gallus gallus". Alla Regione è arrivata comunicazione dall'istituto zooprofilattico delle Venezie, che ha eseguito gli esami sugli animali, lo scorso weekend e il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha firmato un'ordinanza urgente per contenere l'eventuale diffusione del virus.  Come riporta "Ravenna Today", è stata istituita per 21 giorni una zona di protezione con un raggio di tre chilometri dall'allevamento e per 30 giorni una zona di sorveglianza con un raggio di 10 chilometri. Vietato ogni spostamento di animali.

Le misure per evitare la diffusione dell'influenza aviaria – Tutti gli animali all'interno della zona di protezione dovranno essere trasferiti e confinati all'interno di un edificio, in modo da ridurre al minimo i contatti con i volatili selvatici. I veicoli e le attrezzature utilizzate, che sono potenzialmente contaminate, dovranno essere sottoposti a disinfezione. Sarà inoltre avviato un censimento di tutte le aziende avicole e degli animali presenti, mentre i veterinari faranno un sopralluogo nelle aziende commerciali per verificare eventuali situazioni a rischio e per sottoporre a esame clinico tutti i volatili. Infine dovrà essere comunicato all'Ausl ogni aumento di morbilità, mortalità o variazione significative nella produzione di uova o diminuzione del consumo giornaliero di mangime.