Ha perso il controllo della sua auto, andandosi a schiantare contro un palo. Gianluca Bisconti, aveva 32 anni, ed era di Frigole. Il tragico incidente stradale è avvenuto alle porte di Lecce nella notte tra mercoledì e giovedì. Una morte improvvisa quella di Gianluca che non ha potuto neanche dare un ‘in bocca al lupo’ all’amico in partenza per essere sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico. Il 32enne era stato tra i fautori della raccolta fondi per aiutare il giovane malato. Con altri amici e familiari era riuscito a raccogliere quasi 4mila euro, sufficienti per il viaggio e tutto il resto. Ma a questa bella notizia ha fatto da contraltare il dramma avvenuto due giorni fa nei pressi dello svincolo per l’area industriale sulla Lecce-Campi.

Gianluca era alla guida della sua Mercedes quando per cause in corso di accertamento ha perso il controllo della vettura che ha finito la sua corsa schiantandosi contro un palo. Un impatto devastante che ha finito per scaraventare il conducente fuori dall’abitacolo. Il corpo è stato notato da una guardia giurata in servizio nella zona, che ha dato l'allarme. I soccorritori hanno tentato di rianimare il giovane sul posto. Poi la corsa all’ospedale “Vito Fazzi” , dove il giovane è morto intorno alle cinque del mattino: troppo gravi le sue ferite. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti gli agenti di polizia locale del comando di Lecce. Probabilmente sarà disposta un’autopsia, mentre si è in attesa dei riscontri delle analisi. Gianluca Bisconti lavorava in un call center e abitava nel rione San Pio, a Lecce. Prima dell’incidente aveva accompagnato a casa, a Surbo, una sua amica.