Covid 19
14 Gennaio 2022
07:55

Quarta dose di vaccino contro Omicron, l’Ema frena: “Prima vogliamo vedere i dati clinici”

Emer Cooke, Direttore Esecutivo dell’Ema: “È necessario avere a disposizione i dati clinici per approvare un nuovo vaccino” specifico contro la variante Omicron.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Potrebbero allungarsi i tempi per l'approvazione di vaccini con formule adattate alla variante Omicron del coronavirus. Nel corso di un vertice che si è tenuto ieri tra i principali enti regolatori infatti Emer Cooke, Direttore Esecutivo dell'Ema e presidente dell'Icmra, ha dichiarato: "Oggi non si tratta solo della risposta normativa a Omicron, ma fa anche parte dell'impostazione della scena per una discussione più strategica su quali tipi di vaccini potrebbero essere necessari a lungo termine per gestire adeguatamente il Covid. Queste decisioni non sono solo per le autorità di regolamentazione. È necessaria la collaborazione tra tutti gli attori in questo spazio, compresi i responsabili delle decisioni in materia di salute pubblica a livello nazionale, regionale e globale. In tale contesto, dobbiamo sottolineare l'importanza della collaborazione con l'Oms per prendere una decisione sugli aggiornamenti dei ceppi". Secondo Cooke, inoltre, "sebbene la maggior parte dei dati disponibili suggerisca che i vaccini Covid approvati stiano perdendo efficacia nella protezione contro infezioni e malattie lievi, questi continuano a fornire un'elevata protezione contro le persone che sviluppano malattie gravi e la necessità di ospedalizzazione legata alla variante Omicron". È stato quindi sottolineato come, quando si esaminano i requisiti normativi per qualsiasi aggiornamento del vaccino, è necessario avere a disposizione "i dati clinici per approvare un nuovo vaccino". Insomma, non saranno sufficienti le rassicurazioni delle case farmaceutiche e – come sempre – nuove versioni di vaccino dovranno garantire elevati standard di efficacia e sicurezza prima di essere immessi sul mercato.

Sempre l'Ema nei giorni scorsi aveva criticato una strategia vaccinale che preveda richiami continui. Marco Cavaleri, responsabile per i vaccini dell'ente regolatore, ha infatti dichiarato: "Non abbiamo ancora visto i dati sulla quarta dose" di vaccino anti-Covid, ma "siamo abbastanza preoccupati per una strategia che preveda vaccinazioni ripetute in un lasso di tempo breve. Non possiamo continuare a dare dosi di richiamo ogni tre o quattro mesi". Intervistato dal Messaggero è stato il professor Roberto Cauda, docente di Malattie infettive all'università Cattolica di Roma, a spiegare perché una strategia simile potrebbe essere problematica: "Potrebbe verificarsi un esaurimento della risposta immunitaria dovuta ad un eccesso di stimolazione".

31081 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni