306 CONDIVISIONI
30 Aprile 2020
19:05

Professor Luca Richeldi (Comitato tecnico): “Sicuramente ci saranno nuove zone rosse”

Per la fase due l’obbiettivo è di fare sempre più tamponi anche se è stata già raggiunta la soglia cruciale del 3 per cento tra tamponi e positivi che indica una ottima copertura dei casi, lo ha spiegato il Professor Luca Richeldi durante l’ultima conferenza stampa in protezione civile. In Italia “ci saranno sicuramente delle zone rosse” ha aggiunto l’esperto ma le indicazioni generali per la riapertura a livello nazionale “sono indispensabili” .
A cura di Antonio Palma
306 CONDIVISIONI

"Negli ultimi 15 giorni abbiamo dimezzato il numero dei deceduti per coronavirus, raddoppiato quello dei guariti e ridotto della metà quello delle terapie intensive, sono dati confortanti che indicano che stiamo andando nella direzione giusta", lo ha spiegato durante l'ultima conferenza stampa in protezione civile il Professor Luca Richeldi primario di pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma e componente del comitato tecnico scientifico. "Dai dati vediamo che gli indici vanno nella direzione giusta, abbiamo 6 regioni senza decessi  e 9 regioni con meno di dieci decessi giornalieri" ha sottolineato ancora Richeldi nell'ultimo punto stampa sulla situazione del contagio in Italia, avvertendo però che l'emergenza non è finita ma che in questo modo "siamo più pronti della sfida che ci aspetta nelle prossime settimane e mesi" in quanto "la pressione sul Servizio sanitario nazionale si è ridotta".

Raggiunta soglia chiave del rapporto positivi-tamponi

Per la fase due l'obbiettivo è di fare sempre più tamponi anche se in questo senso "è stata già raggiunta la soglia cruciale del 3 per cento tra tamponi e positivi" che indica una ottima copertura dei casi, secondo Richeldi. "Ciò significa che i tamponi sono sufficienti e il numero dei positivi è contenuto" ha spiegato l'esperto. "Testare le persone è cruciale" ha ricordato il professore che a questo proposito non ha escluso che si possa puntare anche tamponi fatti privatamente nei prossimi mesi per aumentare la capacità e la copertura.

Ci saranno zone rosse, ma aperture decise a livello nazionale

Parlando di misure di contenimento per la fase due Richeldi ha sottolineato che anche in presenza di "piccole variazioni che ci saranno sicuramente a livello locale", le indicazioni generali per la riapertura a livello nazionale "sono indispensabili" e anzi è auspicabile che ci siano anche direttive a livello sovranazionale per contenere il  contagio. Rispondendo a chi gli chiedeva perché si è deciso di non utilizzare un approccio regionale per le riaperture, Richeldi ha spiegato che "è una questione molto complessa e ci sono da tenere in considerazione vari aspetti legislativi, logistici e anche scientifici come ad esempio il fatto che nelle zone meno colpite ci sono più persone suscettibili  di contagio" ma "ci saranno sicuramente delle zone rosse". Dunque gli aspetti generali sono fondamentali e poi devono esserci interventi a livello locale.

306 CONDIVISIONI
Gilestro spiega a Fanpage.it perché al momento la variante Deltacron è irrilevante
Gilestro spiega a Fanpage.it perché al momento la variante Deltacron è irrilevante
Vittorio Iacovacci ucciso in Congo, la fidanzata: "Non accetterò zone d'ombra nelle indagini"
Vittorio Iacovacci ucciso in Congo, la fidanzata: "Non accetterò zone d'ombra nelle indagini"
Esplosione Ravanusa, sotto casa del professore Carmina il punto di rottura della rete del gas
Esplosione Ravanusa, sotto casa del professore Carmina il punto di rottura della rete del gas
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni