1.219 CONDIVISIONI
18 Maggio 2020
12:38

“Prendi i 600 euro? Allora te li leviamo dallo stipendio”: la brutta sorpresa ai giovani architetti

“Prendi i 600 euro del bonus e te li decurtiamo dallo stipendio”, è questa la proposta che stanno ricevendo i giovani professionisti (in realtà dipendenti) da parte dei loro committenti (in realtà datori di lavoro). Una truffa eticamente deplorevole che toglie fondi destinati ai liberi professionisti in difficoltà, e scoperchia un mondo, quello delle false partite IVA e dei giovani iper-specializzati con meno diritti di un metalmeccanico degli anni ’60, fraudolento già prima del Coronavirus. Una truffa legale? Lo abbiamo chiesto a un avvocato e al Presidente dell’Ordine degli Architetti.
A cura di Stela Xhunga
1.219 CONDIVISIONI

“Prendi il bonus da 600 euro come libero professionista e te lo scaliamo dallo stipendio”. Una richiesta illegale oltre che eticamente deplorevole, che molti “committenti” stanno facendo ai professionisti, soprattutto giovani, che lavorano negli studi di architettura, avvocatura, ingegneria, in pratica come dipendenti a tutti gli effetti, ma in teoria come liberi professionisti a partita IVA. Una vera e propria truffa ai danni dello Stato, uno schiaffo alla dignità dei più giovani, che si sono visti recapitare mail del genere dai loro capi:

“Buongiorno a tutti,

abbiamo studiato il testo relativo al Bonus Covid per partite IVA iscritte all’Ordine. Le condizioni per ricevere i l bonus sono le seguenti:

La soglia di reddito deve essere inferiore a 35.000 euro annui per 2018. Oppure, se è tra 35.000 euro annui e 50.000 euro annui per 2018, vi deve essere un calo fra il fatturato del primo trimestre e il primo trimestre 2020 del 33.3%.

Vi chiederemmo di informarci, privatamente, anche via telefono, se avete i requisiti per accedere al contributo e perciò di dedurre dalle fatture del mese di marzo, aprile, maggio l’importo del bonus.

Grazie.”

Mail formalmente scritte da committenti, sì ma solo sulla carta. Perché in realtà queste persone agiscono da veri e propri datori di lavoro, a cui non basta chiedere ai propri collaboratori di lavorare a partita IVA senza straordinari, né ferie, né TFR, né, come spesso accade, un contratto di collaborazione, vogliono di più, vogliono i 600 euro.

Tra le segnalazioni arrivate alla redazione di Fanpage molte sono di architetti, e poiché con l’ultimo Decreto Rilancio il Governo ha messo a sostegno degli architetti e ingegneri iscritti all’Ordine e danneggiati dall'emergenza Coronavirus 100 milioni di euro, abbiamo chiesto un parere tecnico e legale a due esperti.

Che fare?

Che fare se un giovane libero professionista e praticante riceve la proposta di auto-decurtarsi lo stipendio dopo aver chiesto i 600 euro di sussidio dallo Stato? Abbiamo sottoposto la domanda a due esperti.

Il primo, un avvocato giuslavorista di lungo corso particolarmente noto nell’ambiente per le sue consulenze agli architetti in una specifica provincia lombarda, dopo un’iniziale ritrosia, e prima di minacciare diffida qualora fosse apparso il suo nome nell’articolo, ha risposto:

Un architetto è un libero professionista, non può fare nulla. Emette fattura sulla base del lavoro svolto in accordo con il committente, se il committente gli dice ‘devi farmela più bassa', e il libero professionista si rifiuta, quello gli risponde, ‘va bene sei un libero professionista, esercita la professione altrove'”.

Tutto legale, tutto a posto, quindi.

La seconda, la Presidente dell’Ordine degli Architetti di Varese, l’Arch. Elena Brusa Pasqué, ha bollato le richieste sui 600 euro come “assolutamente illegali, questo è rubare, e chi lo fa è un furbetto, pure di bassa lega, e chi le subisce, dovrebbe denunciare”, ma ha anche ammesso che episodi simili di illegalità sono più diffusi di quanto si pensi:

Non è la prima a segnalarmi episodi del genere, ricevo mail strazianti, da parte di giovani disperati che magari hanno rinunciato a posti di prestigio all'estero pur di mettere a disposizione le proprie competenze in Italia. Pensi che so anche architetti in cassa integrazione costretti a lavorare. Ho già avvisato il consiglio nazionale 15 giorni fa, e più volte ho sollecitato la stampa, specializzata e nazionale, affinché denunciasse questo squallore.

Denunciare, quindi. Come farlo, però, se, messo al corrente del fatto, l'avvocato non batte ciglio e invita il giovane professionista ad agire liberamente? E che fare se, come ci dicono da più parti, è lo stesso avvocato a suggerire al professionista che subisce la truffa di rinunciare a impugnare una causa lunga e dispendiosa? Agire per vie legali nei singoli casi è difficile, specialmente per chi è iper specializzato e iscritto all'Ordine, come spiega la dott.sa Pasqué:

Nella maggior parte dei casi i professionisti non denunciano per due motivi. In primo luogo sono terrorizzati di perdere il lavoro, soprattutto se sono senza contratto, perché denunciando perdono il lavoro e vengono sanzionati o sospesi dalla disciplina dell’Ordine. In secondo luogo la giustizia è lunga, e quando non lo è, ci pensano gli avvocati, perché è nel loro interesse. Basterebbe aggiustare il sistema giudiziario per ristabilire giustizia sociale e tornare a far funzionare le cose in Italia. L’unico modo, per ora, è far vergognare queste persone denunciando questo squallore sui giornali e smuovendo l’opinione pubblica. Se cominciamo a parlarne, e questa cosa smette di rimanere segreta, chi sbaglia inizia a farsi qualche scrupolo in più, chi subisce, sa che non è solo, e magari fa un esercizio di autostima.

Autostima, già.

Partita IVA e zero diritti 

Diritti? “Ho meno diritti lavorativi di un metalmeccanico negli anni ‘60”. A parlare è un giovane architetto che si è sacrificato per studiare, iscriversi all’Ordine, ed esercitare la professione che ama. Filippo (nome di fantasia, nda) non può rivelare la propria identità, perché rischierebbe di perdere il lavoro:

“Non è possibile che oltre a tutti i soprusi lavorativi che noi giovani architetti dobbiamo subire, ora siamo costretti a sopportare che i nostri “capi” – per la legge nostri “clienti” – ci chiedano ora di fare domanda a Inarcassa per ricevere 600 euro di bonus che loro provvederanno a toglierci dallo “stipendio”, costringendoci, di fatto, a fatturare meno a fronte delle stesse ore lavorate”.

E sul mondo della partita IVA, la più grande finzione economica della nostra epoca”, dice:

“Il 99% degli architetti che praticano la professione sono a Partita Iva. Siamo un popolo di partite iva che in realtà lavorano a tempo pieno per capi che non pagano gli straordinari e pretendono turni di lavoro massacranti, weekend compresi, spesso non pagano i giorni di ferie, pretendono che non abbiamo lavori extra pur essendo noi, appunto, liberi professionisti, non ci mettono nelle condizioni di avere tutele o garanzie. Non abbiamo diritto a recuperare le ore extra o a prendere le ferie quando vogliamo, non abbiamo la possibilità di chiedere un mutuo in banca o il diritto al TFR, e possiamo essere licenziati dall’oggi al domani”.

Un vuoto legislativo che oggi legittima datori di lavoro, magari archistar di fama internazionale, magari studi di architettura tra i 50 che più fatturano in Italia, magari studi legali vista Madonnina del Duomo, a chiedere di decurtare 600 euro, per loro quattro spicci, per qualcuno un aiuto enorme. E fa riflettere che le parole più pacate, più puntuali raccolte provengano proprio da uno di questi giovani professionisti attratti dalla Milano della moda, del design, dell'editoria, dell'architettura, e delle false partite IVA:

Ritengo questo sistema fraudolento, eticamente deplorevole e soprattutto lesivo di chi di quei soldi ne ha bisogno veramente. Io personalmente avrei stretto la cinghia, sopportato il momento difficile e non avrei sottratto soldi alla nostra cassa, soldi che servono a finanziare i nostri infortuni, le nostre pensioni, le nostre mamme, i nostri figli, i nostri momenti più bui. Non rendiamoci partecipi di un’altra menzogna. Già siamo finte partite iva (senza i diritti dei dipendenti, senza i privilegi dei liberi professionisti, ma solo con le sfortune e i doveri di entrambi e senza i diritti di nessuno dei due casi). Io non voglio essere obbligato a “RUBARE” 600 euro alla nostra cassa. Chi alimenta questo sistema fraudolento credo che dovrebbe avere delle sanzioni severe dall’Ordine. A cosa serve altrimenti l’esistenza dell’Ordine?”.

Zero diritti, poca autostima, ma ancora tanta etica morale di fronte alla quale la ‘Milano che non si ferma' dovrebbe fermarsi o quantomeno cedere il passo. Del resto, com'era quel vecchio detto, ormai caduto nel dimenticatoio? Largo ai giovani.

1.219 CONDIVISIONI
Sorpreso a scaricare oltre 600 kg di scarti tessili in un cassonetto: denunciato dai carabinieri
Sorpreso a scaricare oltre 600 kg di scarti tessili in un cassonetto: denunciato dai carabinieri
Artista incassa 70mila euro e va via, al museo arrivano due tele bianche: "Prendi i soldi e scappa"
Artista incassa 70mila euro e va via, al museo arrivano due tele bianche: "Prendi i soldi e scappa"
Spagna, il governo annuncia un bonus mensile di 250 euro ai giovani per aiutarli a pagare l'affitto
Spagna, il governo annuncia un bonus mensile di 250 euro ai giovani per aiutarli a pagare l'affitto
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni