517 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
18 Maggio 2022
15:42

Poliomielite, morbillo, carestia: in Ucraina a pagare il prezzo più alto sono i bimbi secondo Unicef

Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia, a Fanpage.it sulla questione minori e guerra in Ucraina: “C’è emergenza umanitaria legata alla crisi alimentare, al ritorno di alcune malattie come la poliomielite e il morbillo, alla impossibilità di far arrivare aiuti umanitari e al fatto che i bombardamenti non sono cessati”.
A cura di Ida Artiaco
517 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"In Ucraina c'è una emergenza umanitaria legata alla crisi alimentare, che sta avendo ripercussioni in tutto il mondo, al ritorno di alcune malattie come la poliomielite e il morbillo, al Covid che non è passato, alla impossibilità di far arrivare aiuti umanitari e al fatto che i bombardamenti non sono cessati". A riaccendere le luci sulle problematiche umanitarie della guerra tra Mosca e Kiev è Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia, che a Fanpage.it ha spiegato quali sono i rischi che corrono soprattutto i minori in un contesto del genere.

La guerra aumenta la malnutrizione tra i bambini

Secondo Iacomini, che cita un rapporto Unicef pubblicato nelle scorse ore, "il numero dei bambini colpiti da malnutrizione acuta grave, che già era in aumento in tutto il mondo, è peggiorato ulteriormente a causa della guerra in Ucraina e prima ancora a causa del Covid. Sono in rialzo i costi per le terapie e ci troviamo di fronte al fatto che per la prima volta pure i finanziamenti globali da parte di governi e istituzioni per salvare le vite dei minori affetti da questa patologia sono a rischio. Ci troviamo con 600mila bambini in più che possono non avere accesso alle cure perché aumenta del 16% il prezzo degli alimenti terapeutici e delle materie prime". La guerra in Ucraina, dunque, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: "Ci sono stati choc globali che riguardano la sicurezza alimentare in tutto il mondo e che sono oggi guidati dal conflitto in corso – ha ribadito Iacomini – ma non ci dimentichiamo della pandemia e della siccità a sua volta causata del cambiamento climatico. Tutto questo ha fatto aumentare in maniera significativa i casi di malnutrizione".

Bimbi uccisi e feriti sotto i bombardamenti

In Ucraina, inoltre, continua ad aumentare il bilancio dei minori uccisi e feriti a causa degli attacchi. "Siamo sinceri: solo lo scorso mese abbiamo registrato 100 bambini uccisi, secondo le stime confermate e verificate. Io immagino che purtroppo non saranno questi i numeri, ma saranno migliaia i bambini uccisi e feriti a causa della guerra. Quando approcciamo a questo dato dobbiamo ricordare che il numero dei minori vittime non sarà quello finale", ha precisato Iacomini, che ha fatto un appello: "Abbiamo perso nelle ultime settimane la possibilità di parlare della situazione umanitaria del paese e vedo un po' di rilassatezza sul fronte della richiesta di una tregua reale e diffusa che consenta nelle zone ancora sotto assedio di poter far uscire le persone ancora nascoste nei rifugi e far arrivare i nostri aiuti umanitari. La sospensione dei colloqui non è una buona notizia anche perché questo può voler dire una ripresa delle ostilità".

Obiettivo ricongiungimento con i genitori

"In Italia – ha continuato Iacomini – sono arrivati più di 40mila minori, il nostro Governo sta facendo benissimo nell'accoglienza, un plauso va anche agli insegnanti e a coloro che si stanno occupando di integrazione. Abbiamo già accolto oltre 2omila ucraini nelle nostre scuole. È una crisi di bambini separati dai propri cari, non ci sono numeri straordinari di bambini soli, ne contavamo 2000, che a fronte dei 40mila arrivi non fa pensare ad esempio alle recenti crisi dei migranti e a quella siriana che hanno avuto numero di minori non accompagnati enorme. In questo caso sono arrivati con la mamma o con un parente. E ciò ci permette di ragionare in termini di ricongiungimento familiare. Dobbiamo proteggerli e dare loro ospitalità, ma si deve ricongiungerli. Oggi in 6 milioni non hanno una casa, per questo, a maggior ragione, dobbiamo tornare a parlare dei bisogni umanitari dell'Ucraina".

517 CONDIVISIONI
2544 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni