Un bambino di 8 anni che viene avvicinato mentre corre in bici lungo le strade del quartiere Salboro, a Padova, da un uomo che lo invita a compiere atti sessuali. È quanto contenuto in una denuncia presentata dalla madre del bambino ai carabinieri di Padova Principale che stanno ora compiendo indagini sull’episodio segnalato. "Vuoi toccarmi le parti intime? Vuoi essere toccato?”, avrebbe detto il presunto pedofilo al bambino. Secondo quanto ricostruisce il Mattino di Padova, tutto sarebbe accaduto domenica pomeriggio intorno alle 15 quando il piccolo Mario (nome di fantasia) è stato fermato da uno sconosciuto mentre tornava dal parco. Lo sconosciuto avrebbe accompagnato le sue parole con gesti a sfondo sessuale e avrebbe invitato il bambino, che era solo, a salire in auto con lui. Terrorizzato, il piccolo è scappato pedalando verso casa. A denunciare la vicenda è stata appunto la mamma del bambino, che non appena il figlio le ha raccontato l’accaduto è andata dai carabinieri. “Gli ha detto che stava andando a trovare la sua fidanzata e gli ha chiesto delle indicazioni stradali”, il racconto della mamma, secondo cui il figlio ha candidamente risposto che non sapeva dargli queste indicazioni. L’uomo a quel punto sarebbe sceso dall’auto e avrebbe cominciato con le avances.

“L’ha molestato con proposte e gesti sessualmente evidenti, cercando di farlo salire in macchina”, il racconto della mamma. Arrivato in ritardo a casa, Mario ha spiegato che era stato fermato da questa persona. Il bambino, prima alla mamma e poi ai carabinieri, ha fornito una descrizione precisa dell’automobile e dell’uomo che ha cercato di adescarlo. “È stato fermato da un’utilitaria di colore azzurrino, quattro porte con barre portapacchi sul tetto e sedili scuri”, ha detto la mamma, secondo cui il presunto pedofilo era giovane, sui 18 anni, alto circa un metro e sessanta, capelli rasati ai lati e sopra neri e ricci, carnagione olivastra, occhiali da vista neri, molti nei in faccia, baffi e barba molto radi. Secondo la descrizione del bambino, l’uomo indossava un giubbotto nero a pallini bianchi, pantaloni sportivi blu e scarpe da ginnastica nere. La mamma ha lanciato un appello anche su Facebook: “Chiunque lo abbia visto e abbia informazioni sulla targa o sul tipo di veicolo, o avesse riconosciuto il ragazzo, contatti il 112 senza esitazione”, il post sulla pagina “Sei di Albignasego se…”. Un messaggio è anche per l’adescatore del figlio: “A te che ti riconosci in questo appello, voglio dare un consiglio: vai a costituirti dai carabinieri e sarai aiutato”.