3.762 CONDIVISIONI
Coronavirus
16 Aprile 2021
13:01

Oristano, i furbetti dell’iniezione: “Vieni che ti vaccino, ma non dirlo a nessuno”

“Vieni domani mattina che ti vaccino, ma non dirlo a nessuno”, sarebbe stata una delle frasi ricorrenti pronunciate da medici e infermieri di Oristano per invitare parenti e amici a vaccinarsi pur non avendone ancora diritto.
A cura di Davide Falcioni
3.762 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Ragazzi e ragazze perfettamente in salute, parenti stretti, amici, mogli e mariti di medici e infermieri. La lista dei "furbetti del vaccino" del poliambulatorio di via Pira, a Oristano, sarebbe lunga ed il modus operandi sarebbe stato sempre simile: "Vieni domani mattina che ti vaccino, ma non dirlo a nessuno", una delle frasi ricorrenti che si sentivano dire persone in perfetta salute e giovani, cioè sprovviste dei requisiti di anzianità e vulnerabilità necessari per ottenere prioritariamente l'immunizzazione dal Covid-19. Intervenuto ieri in conferenza stampa il procuratore della Repubblica di Oristano, Ezio Domenico Basso, che coordina le indagini sull'operazione "Saltafila" che ha fatto finire sotto inchiesta, accusati di abuso di ufficio e peculato, 11 medici e 4 infermieri, ha riferito che in molti hanno ricevuto il vaccino Pfizer senza averne diritto. "C’è stata una vera e propria corsa negli ultimi mesi in Sardegna per iscriversi alle liste dei volontari e poter così ricevere il vaccino in via prioritaria. Ma la stragrande maggioranza di quei volontari non si è vista all'opera: tantissimi sulla carta, pochi sulle ambulanze", ha spiegato.

A far scattare le indagini da parte della Procura sono stati i dubbi espressi sui media dal presidente dell'ordine dei farmacisti di Oristano, che aveva ipotizzato che qualcuno avesse saltato la fila per il vaccino. Stando a quanto emerso finora, sarebbero almeno 50 le persone che hanno ricevuto il vaccino Covid Pfizer senza averne diritto, oppure dovendo ricevere quello di AstraZeneca. Tra queste ci sarebbero anche membri delle forze dell'ordine, con posizione di vertice, e dirigenti pubblici. Sotto i riflettori c'è la cosiddetta categoria "Altro" del piano vaccinazioni Covid: "È un indicatore che abbiamo tenuto in considerazione nell'indagine – ha sottolineato il procuratore di Oristano – in questa categoria rientra di tutto".

3.762 CONDIVISIONI
27052 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni