377 CONDIVISIONI
6 Settembre 2022
14:32

Omicidio Andrea Gaeta: ucciso per gelosia davanti all’ex fidanzata del killer

Andrea Gaeta è stato assassinato a colpi d’arma da fuoco davanti alla sua auto, a bordo della quale c’era anche l’ex fidanzata di Mirko Tammaro, il 26enne di Orta Nova sottoposto a fermo per l’omicidio e ristretto nel carcere di Foggia.
A cura di Davide Falcioni
377 CONDIVISIONI

Andrea Gaeta è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco davanti alla sua auto, a bordo della quale c'erano quattro ragazzi, tra i quali l'ex fidanzata di Mirko Tammaro, il 26enne di Orta Nova sottoposto a fermo per l'omicidio e ristretto nel carcere di Foggia.

È quanto emerge dal decreto di fermo – visionato da LaPresse – eseguito dai carabinieri a distanza di poche ore dal delitti, avvenuto il 3 settembre scorso nella zona industriale della cittadina pugliese. Il movente, stando a quanto ricostruito dai militari sulla base delle testimonianze raccolte, sarebbe riconducibile alla gelosia: Tammaro sarebbe stato lasciato dalla fidanzata qualche giorno prima e avrebbe visto la ragazza assieme ad Andrea Gaeta.

La sera del 3 settembre Gaeta sarebbe stato visto in un bar di Orta Nova assieme ad alcuni amici, tra i quali la ex di Tammaro. Stando alle loro dichiarazioni, Tammaro sarebbe passato ripetutamente con l'auto e nel corso della serata avrebbe tempestato di telefonate la ragazza rivolgendole anche minacce di morte. Il gruppo composto da quattro giovani si sarebbe allontanato dal bar e sarebbe salito sull'auto di Gaeta, superando quella di Tammaro che, subito dopo, avrebbe iniziato a lampeggiare pretendendo che accostasse.

Una volta affiancata l'auto di Gaeta, Tammaro avrebbe invitato il 20enne a uscire dall'abitacolo. Una volta fuori, avrebbe estratto una pistola e premuto il grilletto. Gaeta sarebbe riuscito ad alzarsi, ma dopo essere riuscito ad accendere l'auto, si è accasciato sul sedile. I quattro giovani a quel punto avrebbero cercato riparo nelle campagne vicine per poi salire sull'auto di un uomo al quale avrebbe chiesto di essere accompagnati in paese e poi, assieme al cugino di uno di loro, sono arrivati al comando dei carabinieri di Carapelle (Foggia).

Tammaro si è costituito ai carabinieri incontrando un familiare, presso il casello autostradale di Termoli, e ha poi fatto ritrovare l'arma, una pistola revolver calibro 356 magnum, ai margini della strada statale 26 in agro di San Ferdinando di Puglia (Barletta).

377 CONDIVISIONI
La storia di Janira D'amato, uccisa con 49 coltellate dall'ex fidanzato Alessio Alamia per gelosia
La storia di Janira D'amato, uccisa con 49 coltellate dall'ex fidanzato Alessio Alamia per gelosia
Il killer di prostitute sarebbe il guardaspalle del boss Michele Senese: l’omicidio a Roma Prati
Il killer di prostitute sarebbe il guardaspalle del boss Michele Senese: l’omicidio a Roma Prati
1.273 di Videonews
Uccide l'ex fidanzata e la seppellisce in un bosco:
Uccide l'ex fidanzata e la seppellisce in un bosco: "Era una scommessa: l'ho colpita per sbaglio"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni