200 CONDIVISIONI
28 Marzo 2022
15:33

Ocean Viking, i 157 migranti a bordo possono sbarcare in Sicilia

Dopo quattro giorni in mare e dopo che una donna incinta è stata fatta evacuare, i migranti a bordo della nave di Sos Mediterranee possono sbarcare in Sicilia.
A cura di Giacomo Andreoli
200 CONDIVISIONI

I 157 migranti a bordo della Ocean Viking ora hanno un porto sicuro: Augusta, in Sicilia. Arriveranno lì, dopo aver atteso alcuni giorni in mare e dopo che è stata evacuata una donna incinta, che sembrava dovesse partorire da un momento all'altro. Per questo è stata portata con l'elicottero all'ospedale Cannizzaro, a Catania.

La prima operazione di salvataggio è avvenuta il 24 marzo, a largo delle coste della Libia. In quell'occasione sono state salvate 30 persone che si trovavano su un barcone travolto dalle alte onde. Il secondo recupero è del 25 marzo. In quel caso sono state tratte in salvo 128 persone, tra cui molti bambini e donne, ma anche due cadaveri. Solo uno dei due è stato recuperato e in generale ci sono volute ben 5 ore prima di poter far salire tutti a bordo. Stavolta, quindi, c'è voluto meno tempo del passato per far sbarcare i migranti salvati.

Sulla nave sono presenti anche i team di Sos Mediterranee e Federazione internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, che hanno raccolto i racconti delle violenze subite dai migranti in Libia. Un giovane, in particolare, ha raccontato la storia di una sua profonda cicatrice. "Qui è dove mi hanno tagliato con un coltello- ha detto- non c'è legge in Libia, nessuno governo: ecco perché tutti hanno una pistola. Un giorno due ragazzi mi hanno aggredito, volevano il mio telefono, i miei soldi".

Un ragazzo minorenne e non accompagnato, che viene dalla Guinea, ha invece spiegato di essere stato "buttato fuori insieme agli altri alle due del mattino e non vedevamo com'era il mare: era così agitato, eravamo in pericolo, davvero in pericolo. Se avessi saputo quanto è pericoloso il Mediterraneo non sarei venuto". L'assegnazione del porto sicuro arriva dopo l'ennesima richiesta arrivata ieri dal team della nave umanitaria tramite i social. "Indeboliti dal mal di mare e dalle ferite fisiche ed emotive della loro orribile esperienza di angoscia in mare– scrive ora Sos Mediterranee su Twitter- tutti hanno bisogno di poter iniziare la loro guarigione a terra".

200 CONDIVISIONI
Migranti, quasi 500 persone a bordo della Sea Eye nel Mediterraneo in attesa di un porto sicuro
Migranti, quasi 500 persone a bordo della Sea Eye nel Mediterraneo in attesa di un porto sicuro
Migranti, 850 persone salvate dalle ong in attesa di un porto sicuro
Migranti, 850 persone salvate dalle ong in attesa di un porto sicuro
Migranti, in questo momento ci sono 900 persone nel Mediterraneo in attesa di un porto sicuro
Migranti, in questo momento ci sono 900 persone nel Mediterraneo in attesa di un porto sicuro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni