3.847 CONDIVISIONI
30 Dicembre 2019
18:54

No Tav, arrestata Nicoletta Dosio: l’attivista 73enne prelevata da casa dai carabinieri

È stata arrestata Nicoletta Dosio, l’attivista No tav di 73 anni condannata a un anno di carcere dal tribunale di Torino perché accusata insieme a altri attivisti di aver aperto le sbarre dei un casello autostradale durante una manifestazione di protesta. È stata prelevata da casa sua dai carabinieri dopo la revoca della sospensiva delle misure di carcerazione.
A cura di Antonio Palma
3.847 CONDIVISIONI

È stata arrestata Nicoletta Dosio, l'attivista No tav di 73 anni condannata a un anno di carcere dal tribunale di Torino perché accusata insieme a altri attivisti di aver aperto le sbarre dei un casello autostradale durante una manifestazione di protesta risalente a diversi anni fa. Nicoletta Dosio è stata prelevata da casa sua dai carabinieri nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 30 dicembre, dopo la revoca della sospensiva delle misure di carcerazione. La notizia della revoca era arrivata nel primo pomeriggio e si era capito che poco dopo questo avrebbe portato al suo arresto. Per questo diversi attivisti si erano mobilitati per sostenerla radunandosi davanti alla sua abitazione. In tanti hanno manifestato e confortato la 73enne attivista mentre veniva portata via dai carabinieri che si sono intrattenuti in casa con lei per diversi minuti. Nicoletta Dosio potrebbe ora essere trasferita nel carcere torinese delle Vallette.

No Tav bloccano strada per impedire arresto Dosio

Per impedire l'arresto di Nicoletta Dosio alcuni hanno provato anche a bloccare l'auto dei militari dell'arma che la portava via. A Bussoleno, in Valle di Susa, dove l'attivista settantatreenne abita si sono vissuti veri e propri momenti di tensione quando diversi manifestanti si sono messi davanti alla vettura dei carabinieri per impedirle di ripartire. I manifestanti hanno dichiarato di voler impedire l'arresto della donna, storico volto della protesta alla nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità.

La revoca della sospensione dell'ordine di carcerazione

Era stata la Procura Generale di Torino a sancire la sospensione dell'ordine di carcerazione per Nicoletta Dosio, disposto circa un mese fa, dopo la condanna a un anno di reclusone emessa dal tribunale del capoluogo piemontese. La sentenza riguardava un episodio avvenuto durante una protesta No Tav in cui un gruppo di manifestanti aveva aperto le sbarre di un casello autostradale. Nicoletta Dosio aveva ribadito di non voler chiedere pene alternative così la procura generale aveva sospeso l'ordine trasmettendo gli atti al magistrato di sorveglianza. "La procura generale di Torino fingendo di ignorare il mio rifiuto di richiedere misure alternative alla carcerazione e facendo lo gnorri circa la mia dichiarata volontà di respingere ogni misura che mi renderebbe carceriera di me stessa e della mia famiglia, rimanda di propria iniziativa al magistrato di sorveglianza la sentenza se per me sarà carcere o ‘esecuzione presso il domicilio delle pene definitive'. Decisione singolare, che non ha precedenti presso il tribunale di Torino. Ah, Ponzio Pilato … La scelta di non scegliere ha lastricato la storia di iniquità e di viltà"  aveva scritto l'attivista

3.847 CONDIVISIONI
Evade dai domiciliari, la 75enne No Tav Nicoletta Dosio condannata: “Rifarei tutto”
Evade dai domiciliari, la 75enne No Tav Nicoletta Dosio condannata: “Rifarei tutto”
Matera, doppio stipendio per fornire informazioni al clan: arrestato un carabiniere
Matera, doppio stipendio per fornire informazioni al clan: arrestato un carabiniere
Giovane trovata morta in casa di un amico, giallo a Silvi: indagano i carabinieri
Giovane trovata morta in casa di un amico, giallo a Silvi: indagano i carabinieri
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni