13 Ottobre 2021
17:21

Niente riviste porno al boss in carcere per evitare messaggi dall’esterno: la sentenza della Cassazione

Non acconsentire alla richiesta di ricevere riviste pornografiche in carcere non rappresenta, secondo la Cassazione, la violazione di un diritto fondamentale. La Suprema Corte si è così pronunciata sul caso di un boss della ‘ndrangheta sottoposto al 41 bis che aveva chiesto in cella delle riviste pornografiche. Davanti al rifiuto di Rebibbia, aveva fatto ricorso.
A cura di Gabriella Mazzeo

Ha presentato ricorso alla Corte di Cassazione ritenendo illegittimo e pericoloso il pronunciamento del Tribunale di Sorveglianza di Roma che riconosce il diritto dei detenuti di ricevere riviste pornografiche in carcere. Un boss della ‘ndrangheta calabrese, sottoposto al regime del 41 bis, ha richiesto nel settembre 2020 alcune riviste pornografiche. La direzione carceraria non glielo ha permesso sostenendo di non voler fornire le riviste per evitare che dall'esterno qualcuno potesse trasmettere messaggi criptati al boss. Il ricorso presentato dai suoi legali aveva però trovato un nuovo punto di incontro: lasciare soltanto le immagini ed eliminare qualunque parte di testo. Il Tribunale di sorveglianza aveva acconsentito alla sottoscrizione di un abbonamento a una rivista pornografica. Ogni numero andava consegnato solo dopo rigorosi controlli. I dirigenti del carcere di Rebibbia però hanno deciso di rivolgersi alla Corte di Cassazione. 

Secondo la Suprema Corte, il diritto alla sessualità del detenuto e la possibilità prevista dalla legge di chiedere e ricevere riviste pornografiche, non sarebbe sufficiente a giustificare la concessione prevista dal Tribunale si sorveglianza. per la Cassazione, l'erotismo non sarebbe un presupposto indispensabile e dunque negare la concessione in favore della sicurezza pubblica non rappresenterebbe una violazione di diritti fondamentali. Per questo motivo, la decisione del Tribunale di sorveglianza è stata respinta: il boss detenuto al 41bis non potrà ricevere riviste pornografiche per motivi che si rifanno alla sicurezza pubblica. Neanche l'iniziale accordo riguardante le immagini senza testo ha fatto cedere la Suprema Corte che ha invece deciso di non andare incontro alla violazione di alcun tipo di diritto fondamentale di un detenuto.

Cassazione annulla decisione della Sorveglianza: "Corona non doveva andare in carcere"
Cassazione annulla decisione della Sorveglianza: "Corona non doveva andare in carcere"
Pozzuoli, il maltempo fa crollare il muro esterno del carcere femminile, traffico in tilt
Pozzuoli, il maltempo fa crollare il muro esterno del carcere femminile, traffico in tilt
Caso Martina Rossi, la Cassazione conferma le condanne: 3 anni di carcere a Albertoni e Vanneschi
Caso Martina Rossi, la Cassazione conferma le condanne: 3 anni di carcere a Albertoni e Vanneschi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni