233 CONDIVISIONI
15 Giugno 2021
19:21

Muore dopo malore in casa a Palermo, parenti denunciano ritardo dei soccorsi: “Ambulanze bloccate”

Inchiesta a Palermo sulla morte di una donna di 42 anni, Katia Calì, che abitava nel quartiere Zen e che ha dovuto aspettare, per essere soccorsa, un’ambulanza proveniente dall’ospedale Civico. Sono dovuti intervenire i carabinieri per riportare la calma in ospedale, dove i parenti della donna morta hanno protestato per i tempi d’attesa dei soccorsi ritenuti troppo lunghi.
A cura di Susanna Picone
233 CONDIVISIONI
Immagine d’archivio
Immagine d’archivio

La Procura di Palermo ha aperto un'inchiesta in seguito alla morte di una donna di 42 anni colpita da un arresto cardiaco mentre si trovava in casa. Katia Calì, questo il nome della donna, viveva nel quartiere Zen. Nonostante l'ospedale più vicino fosse Villa Sofia, a poca distanza dallo Zen, stando a quanto denunciato dai parenti l'ambulanza è dovuta arrivare dall'ospedale Civico, che è nella parte opposta della città, perché i mezzi di soccorso erano bloccati, con i pazienti a bordo, al pronto soccorso di Villa Sofia. La 42enne ha quindi dovuto attendere l'arrivo di una ambulanza dal Civico, che l'ha portata a Villa Sofia. Lì purtroppo è morta. Il fatto è accaduto ieri pomeriggio.

Disposta l'autopsia sul corpo della donna

Lo spostamento, secondo i responsabili del 118, sarebbe durato 20 minuti, dalle 16,48 alle 17,08. La donna è morta poco dopo l'arrivo nel nosocomio, intorno alle 17,30. I parenti della signora hanno dato in escandescenza dopo aver saputo del decesso ed è stato necessario l'intervento dei Carabinieri in ospedale per riportare la calma. Il Procuratore aggiunto Ennio Petrigni, che coordina l'inchiesta, ha disposto l’autopsia sul corpo della 42enne, portato al reparto di Medicina legale del Policlinico.

Ambulanze bloccate a Palermo

La causa di tutto è da ricercare nella mancata o nella lenta riconversione delle strutture ospedaliere prima dedicate interamente all’emergenza Coronavirus. "Davanti al pronto soccorso – le parole di un operatore del 118 – si formano lunghe code di ambulanze in attesa di affidare i pazienti ai medici, e questo rende davvero difficile il lavoro dei soccorritori e il loro ingresso nella centrale operativa. Ormai l'emergenza non è più il Covid, ma l'assistenza sanitaria quotidiana: il pronto soccorso dell'ospedale Cervello, destinato ai pazienti Covid, non ha più la pressione che si registrava in piena pandemia e sarebbe il caso di ripristinarlo per l'attività ordinaria". Un fatto analogo era accaduto domenica sera, dopo la morte di un giovane di 22 anni vittima di un incidente stradale: lui, a causa della mancanza di mezzi di soccorso in zona, avrebbe dovuto aspettare 30 minuti (secondo il 118 solo 15) l'arrivo dell'ambulanza dall'ospedale Ingrassia fino a Cruillas. I suoi familiari, colti dall'ira, avevano danneggiato il pronto soccorso.

233 CONDIVISIONI
Muore a casa dopo 15 ore in pronto soccorso, indagati 4 medici a Crotone
Muore a casa dopo 15 ore in pronto soccorso, indagati 4 medici a Crotone
Malore sull'altare mentre arriva la sposa, sposo muore pochi minuti prima delle nozze
Malore sull'altare mentre arriva la sposa, sposo muore pochi minuti prima delle nozze
4.859 di Videonews
Davide muore a 18 anni dopo le dimissioni: “Non aveva mai avuto problemi”, ispettori in ospedale
Davide muore a 18 anni dopo le dimissioni: “Non aveva mai avuto problemi”, ispettori in ospedale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni