4.799 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Gennaio 2022
14:26

Morto dopo vaccino AstraZeneca: la famiglia di Davide Villa si oppone ad archiviazione inchiesta

La famiglia di Davide Villa, il vice sovrintendente della squadra mobile della Questura di Catania morto il 6 marzo 2021 nel capoluogo etneo a 12 giorni dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca, si è opposta all’archiviazione dell’inchiesta avanzata dalla Procura di Messina.
A cura di Davide Falcioni
4.799 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I familiari di Davide Villa, il vice sovrintendente della squadra mobile della Questura di Catania morto il 6 marzo 2021 nel capoluogo etneo a 12 giorni dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca, si sono opposti all'archiviazione dell'inchiesta avanzata dalla Procura di Messina. L'atto, a nome della madre e dei fratelli del poliziotto, è stato depositato oggi degli avvocati Stefano Maccioni e Carlo Peluso che hanno anche chiesto un supplemento di indagini. I legali, in particolare, ritengono "necessario approfondire se i protocolli di sperimentazione effettuati dalla casa farmaceutica che ha prodotto il vaccino AstraZeneca siano stati condotti in maniera corretta e se quanto accaduto a Davide Villa ed altre persone fosse evitabile".

Il caso è in mano alla Procura di Messina perché il poliziotto era sposato con un magistrato in servizio a Catania. Gli avvocati, in una nota, affermano che "nonostante la relazione dei consulenti della Procura di Messina abbia stabilito il nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e il decesso, è stata presentata richiesta di archiviazione del procedimento penale, notificando l'avviso alle persone offese il 24 dicembre 2021, dopo quasi 10 mesi dall'apertura dell'inchiesta". "Sussistono ancora molti aspetti da chiarire – dichiara l'avvocato Stefano Maccioni – e in particolare sullo studio di eventuali effetti collaterali dovuti alla somministrazione, come quello che ha purtroppo causato il decesso di Davide Villa. In ogni caso riteniamo, e chi scrive non è certamente un No Vax, che lo Stato dovrebbe essere vicini ai familiari delle vittime dei vaccini, che peraltro, fortunatamente, costituiscono una percentuale molto bassa. Sarebbe questo – sottolinea il penalista della famiglia Villa – un segno importante per rafforzare la fiducia tra cittadini e istituzioni, soprattutto in questo particolare momento".

4.799 CONDIVISIONI
31062 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni