134 CONDIVISIONI
Emergenza immigrazione
30 Luglio 2021
18:40

Migranti, due salvataggi in poche ore per Sea Watch: “Sei ustionati a bordo, tre sono bambini”

La nave Sea Watch 3 ha compiuto due salvataggi nel Mediterraneo in poche ore: la prima imbarcazione è stata soccorsa mentre la Guardia costiera libica tentava un respingimento illegale, dalla seconda sono state trasferite delle persone con gravi ustioni che hanno urgente bisogno di assistenza medica a terra, tre di queste sono bambini. Italia e Malta non rispondono.
A cura di Tommaso Coluzzi
134 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Emergenza immigrazione

Aggiornamento: Le sei persone e le loro famiglie sono state evacuate. Tra queste 4, di cui tre bambini, sono gravemente ustionate. La Ong aveva chiesto aiuto sia a Malta che all'Italia diverse ore fa. "Alla fine l'Mrcc di Roma ha inviato un assetto e ha effettuato il trasbordo", hanno comunicato gli attivisti.

Due salvataggi in pochissime ore per la Sea Watch 3, che ha soccorso un centinaio di migranti coinvolti in due naufragi differenti e ora chiede di essere ascoltata da Italia e Malta. La nave dell'Ong si trova nel Mediterraneo centrale e chiede la possibilità alle autorità dei due Paesi più vicini di trasferire alcune persone che si trovano in condizioni di salute critiche e che hanno bisogno di immediato soccorso medico. Ma, secondo quanto scrive l'Ong su Twitter, non starebbe ricevendo risposta mentre Italia e Malta si rimpallano le responsabilità del soccorso, nonostante le richieste dalla Sea Watch 3 siano state ripetute per ore ancora non è arrivata una risposta.

Il primo salvataggio risale a questa notte, quando la nave Sea Watch 3 ha soccorso un'imbarcazione in pericolo che si trovava in acque Sar maltesi, mentre la Guardia costiera libica tentava un "respingimento illegale". Molte persone "erano in acqua e sono state tratte in salvo dal nostro equipaggio", spiega l'Ong su Twitter. Così stanotte sono salite a bordo 33 persone, tra cui tre bambini piccoli e diversi minori non accompagnati. Ma l'allarme è ancora rivolto alle autorità libiche e ai loro metodi di respingimento: "La motovedetta Classe Bigliani 656, donata dall'Italia alla cd guardia costiera libica, si è allontanata con a bordo diverse persone catturate durante intercettazione precedente".

Poi, però, poche ore dopo la Sea Watch 3 è stata costretta ad un nuovo salvataggio: circa 60 migranti sono stati fatti salire a bordo da una barca di legno. "Alcune persone hanno gravi ustioni da benzina e stanno ricevendo le prime cure dall'equipaggio", scrive ancora l'Ong. "Da ore stiamo chiedendo l'evacuazione medica urgente di 6 persone in condizioni critiche e dei loro familiari – si legge ancora – Alcuni di loro, fra cui 3 bambini, sono gravemente ustionati. Le autorità italiane e maltesi si rimpallano la responsabilità sulla pelle di chi soffre".

134 CONDIVISIONI
302 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni