115 CONDIVISIONI
8 Giugno 2011
15:11

Melania Rea: la “scappatella” di Salvatore Parolisi perdonata per amore

Si attendono i risultati dell’autopsia sul corpo di Melania Rea. Tra il 15 e il 19 giugno potrebbero aggiungersi nelle mani degli inquirenti ulteriori dettagli, che si spera conducano alla risoluzione di questo terribile delitto. Intanto parla Teresa, la zia di Melania Rea, che chiarisce i rapporti matrimoniali della coppia nell’ultimo periodo.
A cura di danila mancini
115 CONDIVISIONI
carmela melania rea la donna uccisa a ripe di civitella

Fra il 15 e il 19 giugno prossimi verrà depositata la relazione riguardante l'autopsia sul corpo di Carmela Melania Rea, effettuata dai medici legali Adriano Tagliabracci e Sabina Canestrari. Si attendono risvolti importanti, che possono portare a chiarire questo terribile delitto, di cui veramente poche sono le certezze.

Oltre l'esito dell'esame autoptico, gli investigatori potrebbero avere a loro disposizione sia le relazioni dei RIS sui vari reperti sequestrati durante le indagini, sia quelle dei ROS riguardanti i tabulati telefonici. Intanto che si faccia chiarezza su quanto accaduto il 18 aprile scorso, Salvatore Parolisi è tornato a Folignano per salutare i vicini e si è poi diretto a Napoli, forse per il prolungamento della licenza ottenuta dalla caserma Clementi.

L'attenzione di media e opinione pubblica su Parolisi non si è mai spenta, in particolare da quando si è saputo che Melania Rea è stata tradita per due anni, un retroscena che getta una luce ancora più bieca su colui che l'ha vista per l'ultima volta viva. Sebbene gli inquirenti non abbiano ancora chiarito se la donna sia giunta, quel primo pomeriggio, a Colle San Marco, come dichiarato appunto da Parolisi, e sebbene diverse e tangibili sono le contraddizioni nella sua versione dei fatti, nessuno ancora risulta indagato per l'omicidio di Melania Rea. 

“Se Melania avesse saputo che non era un scappatella, non l'avrebbe perdonato”
Teresa, la zia di Melania

Gli amici di Melania Rea chiedono la verità a Salvatore Parolisi, visto che il suo racconto contiene alcune contraddizioni da loro stessi smentite. L'obiettivo è, dunque, quello di ricostruire la giornata del 18 aprile, da quando la coppia è uscita di casa fino alla scomparsa della donna, a cui è seguito il ritrovamento del corpo.

Ed è intervenuta, Durante la scorsa puntata di Chi l'ha visto, Teresa, la zia di Melania, che ha tenuto a chiarire i rapporti matrimoniali, che hanno legato la coppia nell'ultimo periodo:

Noi sappiamo che, quando Melania è stata a casa per la gravidanza, è rimasta con sofferenza, pensando che Salvatore stesse lì. Ma sappiamo pure che Salvatore ha insistito diverse volte affinché Melania stesse tranquilla, lasciandola qui con la mamma. Se è vero, com'è vero, che c'è stata questa scappatella, riportandoci indietro nel tempo, è giusto dire che Melania lo ha perdonato, per il semplice motivo che era innamoratissima di lui.

Ci teneva a Salvatore e alla famiglia. Ciò che è venuto fuori, l'abbiamo appreso insieme a voi. Melania era una ragazza molto forte e aperta, se avesse avuto la conferma che non era una scappatella, ma una storia parallela al suo matrimonio, non l'avrebbe perdonato.

Bisognerà indagare ancora a fondo la loro vita coniugale, per capire che tipo di rapporto legasse marito e moglie soprattutto nell'ultimo periodo. Bisognerà indagare ancora a  fondo prima di rispondere alla domanda, che dal 18 aprile scorso ha occupato le intere pagine della cronaca:

chi ha ucciso Carmela Melania Rea?

115 CONDIVISIONI
Valentina Giunta, il figlio e l’amore per il padre detenuto: chi era la donna uccisa a Catania
Valentina Giunta, il figlio e l’amore per il padre detenuto: chi era la donna uccisa a Catania
Assolda un killer sul dark web e lo paga in criptovalute: voleva uccidere il rivale in amore
Assolda un killer sul dark web e lo paga in criptovalute: voleva uccidere il rivale in amore
Trovata impiccata in garage, oggi il funerale di Annamaria: l'autopsia non svela la causa della morte
Trovata impiccata in garage, oggi il funerale di Annamaria: l'autopsia non svela la causa della morte
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni