2.055 CONDIVISIONI
Covid 19
5 Aprile 2020
10:01

Mascherine obbligatorie nella fase 2 dell’emergenza Covid-19: quale scegliere e come usarle

A breve, come ha ricordato anche il ministro della Salute Roberto Speranza, e come già avviene in Lombardia, nella fase 2 dell’emergenza coronavirus, saranno obbligatorie le mascherine protettive per tutti coloro che frequentano luoghi pubblici. Come scegliere quella giusta? E come indossarla correttamente?
A cura di Annalisa Cangemi
2.055 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Con la nuova ordinanza della Regione Lombardia è previsto l'obbligo di indossare le mascherine quando si esce, "o, in subordine, qualunque altro indumento per coprire il naso e la bocca": lo ha precisato il governatore, Attilio Fontana, intervenendo ieri alla trasmissione ‘Stasera Italia – Weekend' su Rete4. "Non siamo così matti da prevedere un'ordinanza che non sia realizzabile", ha sottolineato Fontana, "lo sappiamo benissimo che le mascherine sono poche e che sono di difficile reperimento. Nell'ordinanza abbiamo scritto una cosa un pochettino diversa: abbiamo detto che ogni volta che ci si reca fuori dall'abitazione si devono adottare tutte le misure precauzionali consentite e adeguate a proteggere se stessi e gli altri dal contagio, anche utilizzando la mascherina. O, in subordine, utilizzando qualunque altro indumento per coprire il naso e la bocca".

Anche il ministro della Salute Speranza ha annunciato che presto il governo introdurrà l'obbligo di indossare le mascherine finché non ci saranno vaccini e terapie a disposizione contro il coronavirus. Ma qual è l'uso corretto di questo dispositivo di protezione?

Come ha riportato ieri ‘La Stampa', nella fase 2 dell'emergenza Covid-19, le mascherine dovranno essere indossate da tutti se ci si trova a contatto con altre persone. Mentre nei casi in cui si esce per fare una passeggiata all'aria aperta da soli o mentre si guida e nell'abitacolo dell'auto non c'è nessun altro passeggero, si potrà evitare di indossarla. Bisognerà inoltre prestare attenzione al tibo di mascherina che si sceglie: "La mascherina chirurgica, ad esempio – scrive il quotidiano – deve essere utilizzata quando si ha necessità di uscire di casa per fare la spesa, andare in farmacia, per situazioni di emergenza e per recarsi a lavoro. La mascherina FFP3, invece, è necessaria per gli operatori sanitari che operano in aree di degenza a rischio. La mascherina FFP2 con valvola di esalazione è necessaria per i soccorritori e il personale del triage perché a contatto con persone potenzialmente contagiate. La mascherina FFP2 senza valvola è adatta a proteggere medici di medicina generale e guardia medica e deve essere inoltre indossata dalle forze dell'ordine".

Per quanto riguarda le mascherine fatte in casa, bisogna tenere a mente che hanno la stessa efficacia di una sciarpa o un foulard, offrono cioè una protezione molto blanda.

Come si indossano le mascherine

La mascherina va indossata sopra il naso e poco sotto gli occhi. Se il margine superiore del dispositivo è sotto il naso non può offrire un'adeguata protezione. Chi la indossa non deve toccarla internamente, con le mani non disinfettate, o non lavate accuratamente con acqua e sapone. Bisogna indossarla prendendola dall'elastico. Anche nel momento in cui si toglie va presa dall'elastico, ripiegata su se stessa senza toccare l'esterno, e buttata nell'indifferenziato. E vanno seguite attentamente le norme del produttore sia sulle ore di utilizzo (che va dalle 2 alle 4 ore, per la mascherina chirurgica).

Non proteggendo ovviamente le mucose degli occhi bisogna comunque prestare attenzione a non portare le mani in faccia. Anche chi indossa la mascherina deve comunque mantenere almeno un metro di distanza dagli altri.

Quattro tipi di mascherina

Esistono quattro tipi di mascherina: la prima, la più comune, è la mascherina chirurgica, è adatta a malati, sanitari e lavoratori a rischio, ma non protegge adeguatamente dal contagio, se chi la indossa entra a contatto con una persona infetta; la mascherina antipolvere, o FFP1, ha un'efficacia filtrante del 78%, e nell'utilizzo è assimilabile alla mascherina chirurgica; FFP2 e FFP3 sono indicate per i sanitari che si occupano di pazienti con sintomi, o per chi assiste malati con il coronavirus; infine ci sono le mascherine a valvola, cioè le mascherine su cui è stata montata una valvola, ma non vanno bene per i malati perché in fase di espirazione possono spingere fuori il virus.

2.055 CONDIVISIONI
27513 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni