16.064 CONDIVISIONI
3 Aprile 2017
18:32

Maria Rita si è ammazzata per vergogna della sua famiglia innominabile

Maria Rita Lo Giudice a 25 anni e con una brillante carriera universitaria ha deciso di suicidarsi dal balcone di casa. Secondo gli inquirenti non avrebbe sopportato la vergogna di una famiglia che da anni è tra le più influenti della ‘ndrangheta nella zona di Reggio Calabria. E forse è una vittima innocente anche lei.
16.064 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno

Venticinque anni, un futuro che si preannunciava roseo, una laurea in Economia presa con il massimo dei voti e una carriera universitaria che continuava nel corso di laurea magistrale: a vederla da fuori Maria Rita Lo Giudice aveva una vita carica di speranze e possibilità, lei che da Reggio Calabria aveva cominciato a girare il mondo per motivi di studio, e invece domenica mattina poco prima delle 7 ha deciso di affacciarsi al balcone di casa e gettarsi nel vuoto. Suicidata. Pronta a finire nel faldone di quelle storie che diventano presto solo freddi numeri buoni al massimo per le statistiche. Eppure la condanna di Maria Rita sta nel peso del suo cognome e in quella sua famiglia che lì a Reggio è sinonimo di ‘ndrangheta: secondo i carabinieri (che hanno ascoltato gli amici in questi giorni) Maria Rita non sarebbe riuscita a sopportare la vergogna della sua famiglia che a Reggio fa rima con mafia, violenza e soprusi.

Il padre Giovanni è in carcere, lo zio Nino è diventato collaboratore di giustizia mentre l'altro zio, Luciano Lo Giudice, è considerato il boss del clan. La ‘ndrina dei Lo Giudice (attiva soprattutto nel Rione Santa Caterina di Reggio Calabria) è una famiglia storica della mafia calabrese, già coinvolta nella terribile seconda guerra di ‘ndrangheta che lasciò a terra 700 morti per la definizione delle gerarchie interne. Un inferno di violenza e sangue così distante dall'espressione di Maria Rita così sorridente e luminosa nelle foto della sua festa di laurea ma che evidentemente le ispessiva il cuore.

Gli omicidi, l'usura e i cadaveri mai trovati delle vittime di lupara bianca sono fardelli che, si sa, passano nel sangue dei figli. Proprio a Reggio Calabria da tempo il presidente del Tribunale dei minori di Reggio Calabria, Roberto Di Bella, sta lavorando per riuscire a "liberare" i figli delle famiglie mafiose per garantirgli un luogo di crescita lontano dall'orrore: “Quando si rendono conto di poter vivere in un mondo normale – racconta Di Bella – senza traffici strani, senza violenza, senza morti ammazzati, senza carcere e rinascono. E al compimento dei 18 anni di età ci chiedono di restare fuori da una realtà che non ritengono più di essere la loro”.

Maria Rita ha creduto di potercela fare: ha pensato di riuscire a scrollarsi di dosso quel passato familiare che odiava e ha creduto che lo studio almeno potesse portarla lontano. E invece no. E viene da chiedersi se non vada aggiunta anche lei alle vittime innocenti di mafia: suicidata dalla vergogna di una nomea che non avrebbe mai voluto e che le restava appiccicata addosso.

Chissà se un po' di vergogna non la provano anche loro, questi uomini di mafia incapaci di amare anche un figlio.

16.064 CONDIVISIONI
Autore, attore, scrittore, politicamente attivo. Racconto storie, sul palcoscenico, su carte e su schermo e cerco di tenere allenato il muscolo della curiosità. Collaboro dal 2013 con Fanpage.it, curando le rubriche "Le uova nel paniere" e "L'eroe del giorno" e realizzando il format video "RadioMafiopoli". Quando alcuni mafiosi mi hanno dato dello “scassaminchia” ho deciso di aggiungerlo alle referenze.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni