24.402 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Dicembre 2020
15:56

Mano nella mano anche in ospedale, la storia della coppia di 90enni che sconfigge il Covid a Prato

Ivo e Livia, coppia di 90enni pratesi sposati da più di 60 anni, stanno superando il Covid nella stessa struttura: i due sono in via di guarigione, ricoverati l’una a fianco all’altro nel centro La Melagrana. A raccontare la loro storia, con la foto che li ritrae mano nella mano nei rispettivi letti, è La Nazione. Emozionati i figli della coppia: “È la dimostrazione che i nostri genitori hanno una tempra fortissima e un grande amore l’uno per l’altro”.
A cura di Susanna Picone
24.402 CONDIVISIONI
Ivo e Livia, nella foto pubblicata da La Nazione
Ivo e Livia, nella foto pubblicata da La Nazione
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

È una storia a lieto fine quella che arriva da Prato, dove una coppia di novantenni – sposati da più di sessanta anni – ha affrontato e sta superando insieme il Covid-19. A raccontare la storia dei signori Ivo, 92 anni, e Livia, 88 anni, è il quotidiano La Nazione, che pubblica una foto che ritrae i due anziani pazienti mano nella mano nei loro letti in ospedale. Marito e moglie sono ricoverati presso la stessa struttura, La Melagrana di Prato, che cura i pazienti affetti di Coronavirus non gravi, e nei loro letti uno accanto all’altro si stanno riprendendo dal virus. La tenera foto che ritrae i due anziani coniugi mano nella mano nei loro letti è stata scattata sabato dagli infermieri e poi inviata a uno dei figli della coppia. "Quando gli infermieri mi hanno mandato la foto di babbo e mamma che si stringono la mano – le parole del figlio Andrea al quotidiano – è stato davvero emozionante, quasi non ci credevo. È la dimostrazione che i nostri genitori hanno una tempra fortissima e un grande amore l’uno per l’altro”.

Entrambi sono in via di guarigione – Il primo a finire in ospedale è stato il signor Ivo, che – con i suoi problemi di cuore, diabete e pressione – diceva di non avere grandi speranze di uscirne vivo. La moglie Livia è stata ricoverata a distanza di tre settimane. La coppia fino a un mese fa viveva in piena autonomia nella loro casa del quartiere San Paolo. "Il babbo 28 giorni fa è stato ricoverato in ospedale per colpa dei suoi tanti problemi – il racconto del figlio – e a quel punto è emersa anche la positività al Covid. La situazione non era per niente buona e i medici ci avevano fatto capire che non sarebbe uscito vivo. Invece, si è ripreso ed è stato trasferito una prima volta alla Melagrana dove però ha avuto un’emorragia. È quindi tornato in ospedale e ha superato anche la seconda fase critica, con stupore dei sanitari, così è rientrato in struttura. Invece la mamma una settimana fa ha avuto un’ischemia ed è risultata pure lei positiva al Covid. Dopo l’ospedalizzazione è stata ricoverata alla Melagrana e lì l’hanno sistemata nella stessa camera del babbo. Ora entrambi sono in via di guarigione”. I figli della coppia, che intanto sono finiti in quarantena e possono comunicare solo al telefono con i genitori, hanno voluto ringraziare chi si sta prendendo cura di loro: "Ringraziamo gli infermieri e il personale che ci informano e sopperiscono con le immagini al vuoto della nostra presenza. Hanno colto un attimo della loro vita veramente impagabile".

24.402 CONDIVISIONI
28225 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni