Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Il parroco di una frazione del comune di Altopascio (Lucca) è risultato positivo al Covid-19. A darne notizia l'Asl Toscana nord ovest che aveva sottoposto il sacerdote al tampone. La struttura di igiene e sanità pubblica di Lucca sta gestendo questa situazione insieme al sindaco di Altopascio Sara D’Ambrosio. C’è molta preoccupazione tra i fedeli della chiesa di San Michele Arcangelo a Spianate anche perché il sacerdote risultato positivo al Coronavirus, don Michele, sabato e domenica scorsi ha cresimato diverse persone. “Dal primo pomeriggio – è quanto comunica il sindaco D'Ambrosio in un post pubblicato sabato sera su Facebook – sono al telefono con l’Asl per risalire a tutta la catena dei contatti e domani l’Asl chiamerà ogni famiglia che è stata interessata dalle cresime. Questo per capire il grado di contatto e procedere poi con i tamponi: il tracciamento va fatto subito per isolare il virus e mettere in sicurezza tutti".

L'appello del sindaco: "Mascherine e distanze sono fondamentali" –  Il sindaco ha aggiunto che tutti coloro che hanno fatto la cresima e le famiglie presenti in chiesa devono restare a casa in isolamento fiduciario: “Chi ha sintomi riconducibili all’influenza chiami subito il medico di famiglia”, ha aggiunto il primo cittadino del comune toscano. I contatti del sacerdote saranno sottoposti a tampone. L’Asl sta vagliando anche un altro metodo di tracciamento, ovvero far presentare spontaneamente in un punto di tamponi drive-through tutte le persone che ritengono di aver avuto un contatto prolungato col parroco. "Vi voglio ricordare – spiega il sindaco – che le mascherine e le distanze sono fondamentali: se tutti abbiamo la mascherina e teniamo la distanza possiamo gestire la convivenza col virus. Insieme affrontiamo, gestiamo e risolviamo tutto”.