Tra pochi giorni si raggiungerà la cifra di un milione di casi positivi di Coronavirus in tutto il mondo, una cifra esorbitante alla quale si aggiunge quella dei decessi che a breve sfioreranno i 50mila. I numeri sono stati forniti dal direttore generale dell'Oms, l'Organizzazione mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante la conferenza stampa di oggi a Ginevra nel quale sono stati divulgati gli aggiornamenti sulla pandemia di coronavirus Covid-19. Una escalation rapida e preoccupante come più volte definita dall'Oms che ha spiegato che nelle ultime cinque settimane c'è stata "una crescita quasi esponenziale" dei nuovi casi e il numero dei decessi è stato più del doppio la scorsa settimana.

Mascherine per i malati e chi si occupa di loro

Tedros Adhanom Ghebreyesus ha poi spiegato che al momento la priorità è garantire a tutto il personale sanitario i dispositivi di protezione individuale, in particolare le mascherine il cui uso è in esame all'Oms: "C'è un dibattito in corso sull'uso delle mascherine a livello di comunità – ha spiegato il direttore generale – e l'Oms ne raccomanda l'uso per le persone che sono malate e per chi si prende cura di loro". Tedros Adhanom Ghebreyesus ha poi posto l'accento sui paesi in via di sviluppo che rischiano il collasso economico data la scarsa possibilità di poter attuare programmi di assistenza adeguati per i propri cittadini: "Per questi paesi, la riduzione del debito è essenziale per consentire loro di prendersi cura della propria gente ed evitare il collasso economico – ha spiegato il direttore generale dell'Oms che ha poi concluso dicendo di aver invitato i governi a mettere in atto misure di assistenza sociale per garantire alle persone vulnerabili cibo e altri elementi essenziali della vita durante questa crisi".