2.295 CONDIVISIONI
Opinioni
9 Settembre 2021
13:29

L’insegnante vestita da sposa è l’istantanea di una generazione derubata del futuro

La foto di una donna vestita da sposa china su una cattedra scolastica mentre firma i fogli per il lavoro da insegnante ha fatto il giro del Paese. Ma quell’immagine non ha nulla di tenero, anzi è il ritratto di una generazione precaria a cui hanno cercato di spiegare che il lavoro è tutto. Ma hanno mentito.
A cura di Daniela Collu
2.295 CONDIVISIONI

La foto ha del surreale, una donna vestita da sposa china su una cattedra scolastica con dei fogli davanti: si tratta di Carmela Santoro, insegnante di matematica dell’istituto Majorana di Martina Franca, costretta a firmare il contratto di assegnazione dell’incarico annuale proprio il giorno del suo matrimonio, pena l’esclusione e dunque la rinuncia al lavoro. “Auguri Carmela, sei già entrata nei nostri cuori” scrive un suo collega su Facebook, raccogliendo tenerezze e congratulazioni, ma anche molti complimenti per lo spirito di sacrificio e il senso del dovere dimostrato. La mia testa associa subito l’immagine a un altro post “virale” visto su un account Instagram con velleità di empowerment femminile: una ragazza in ospedale sta ripassando per l’esame il giorno dopo aver partorito, con una mano tiene il bambino e con l’altra gli appunti. La caption: “Questo è per ricordarci di quanto siamo fantastiche”.

Quello che entrambi i casi viene raccontato come un eroico gesto di abnegazione, un esempio da seguire e da premiare, ai miei occhi risulta improvvisamente cacofonico, grottesco, intriso di una tristezza senza senso. Ormai è chiaro, si è rotto l’incantesimo, il mito del lavoro con cui la generazione dei Millennial cui appartengo è cresciuta fa acqua da tutte le parti. Ci hanno insegnato che con abbastanza impegno si va lontano, che il lavoro prima di tutto, che la realizzazione personale (qualunque cosa significhi, e chissà se se lo sono mai chiesto) passa attraverso quella professionale, che ha senso chiedere “e tu di cosa ti occupi” appena conosci qualcuno.

Non ci hanno però detto che saremmo finiti con lauree e master a lavorare dodici ore al giorno a partita iva in qualche ufficio, spendendo il 75% di quello che guadagniamo nell’affitto di una casa in una città inquinata, lontani dai familiari e senza tempo, energie e soldi per creare una rete affettiva in grado di garantirci felicità e cura. La pandemia ha squarciato l’ultimo velo, ci siamo ritrovati tutti criceti sulla stessa ruota, schiacciati dalla totale consapevolezza dell’impoverimento personale e di una pressione social(e) ormai difficile da manovrare. E al prossimo che ci chiama “bamboccioni” non rispondo di me.

2.295 CONDIVISIONI
Classe 1982, è conduttrice televisiva, speaker radiofonica e influencer. Guidata da una curiosità onnivora e da un'innata vocazione comunicativa, dopo la laurea in Storia dell'arte si avvicina alla radio e alla televisione. Ha presentato StraFactor su SkyUno, The Real su TV8, ha partecipato a Sbandati su Raidue e condotto programmi radio su Rai Radio Due e RTL 102,5. Ha scritto su riviste online e cartacee (da Donna moderna a Vice). Ha pubblicato due libri, Volevo solo camminare (2019) e Un Minuto d’Arte (2020), entrambi con l’editore Vallardi e “Perché no?” (2021) con Mondadori.
Colpita in testa, stordita e derubata di tutto, il racconto di Claudia:
Colpita in testa, stordita e derubata di tutto, il racconto di Claudia: "Mi hanno tolto la serenità"
Un profumo che sa di tradizione: il caseificio alla terza generazione
Un profumo che sa di tradizione: il caseificio alla terza generazione
Vietato giocare in piazza, bimbi con lo smartphone per protesta:
Vietato giocare in piazza, bimbi con lo smartphone per protesta: "Però criticate nostra generazione"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni