567 CONDIVISIONI
8 Febbraio 2021
13:54

Limbadi, ex moglie di ‘ndrangheta ridotta in schiavitù, a processo il marito e la suocera

Vittima di riduzione e mantenimento in schiavitù e maltrattamenti in famiglia da parte del marito pezzo grosso della ndrangheta di Limbadi e della suocera. Ewelyna Pytlarz, oggi testimone di giustizia, è la parte offesa nell’indagine che ha portato al rinvio a giudizio del fratello del boss ‘Scarpuni’, di sua madre e di altri due soggetti.
A cura di Angela Marino
567 CONDIVISIONI

Ridotta in schiavitù, costretta a vivere in condizioni insostenibili, picchiata con pugni e calci. A giudizio per questi gravissimi reati sono stati rinviati il marito Domenico Mancuso, quarantasette anni e la suocera Giulia Tripodi, 82 anni, di Ewelyna Pytlarz, la vittima.

Si tratta di una delle più potenti e note famiglie di ndrangheta del territorio di Limbadi. Il nome dei Mancuso, peraltro, è comparso in una recente inchiesta della DDA di Catanzaro sulla morte di Maria Chindamo, l'imprenditrice scomparsa da Limbadi. Ebbene, proprio un esponente della famiglia Mancuso, il pentito Emanuele, aveva rivelato al collaboratore di giustizia Antonio Cossidente che la donna scomparsa nel 2016 sarebbe stata, in realtà,uccisa e data in pasto ai maialiil giorno stesso della scomparsa. La rivelazione ha dato una svolta a un caso aperto ormai da anni sul quale già si indaga per omicidio.

Maria Chindamo
Maria Chindamo

Oggi la famiglia Mancuso torna a fare notizia per il provvedimento del Gup distrettuale di Catanzaro che, accogliendo una richiesta della Dda, ha disposto quattro rinvii a giudizio nell’ambito dell'’indagine che vede vittima Ewelyna Pytlarz, oggi testimone di giustizia. Al marito, Domenico Mancuso, fratello dei più noti boss di Limbadi Giuseppe Mancuso, alias ‘Pino Bandera', e Pantaleone Mancuso, detto ‘Scarpuni') è contestato il reato di riduzione e mantenimento in schiavitù, aggravato dalle modalità mafiose. Stesso reato è stato contestato anche alla suocera della vittima e madre dei Mancuso, Giulia Tripodi. A Roberto Cuturello, 54 anni, di Limbadi, è stato contestato il reato di usura, mentre quello di di favoreggiamento in usura è stato imputato ad Antonio Agostino, sessantatré anni, di Nicotera. Da dicembre 2013, la vittima è testimone di giustizia.

567 CONDIVISIONI
Sassuolo, uccide moglie, suocera e i figli di 5 e 2 anni: poi si suicida
Sassuolo, uccide moglie, suocera e i figli di 5 e 2 anni: poi si suicida
Scandicci, marito e moglie precipitano dal terzo piano e muoiono: trovato un biglietto in casa
Scandicci, marito e moglie precipitano dal terzo piano e muoiono: trovato un biglietto in casa
Processo Strage di Bologna, l'ex Banda della Magliana Abbatino: "Parlo se lo Stato mi protegge"
Processo Strage di Bologna, l'ex Banda della Magliana Abbatino: "Parlo se lo Stato mi protegge"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni