133 CONDIVISIONI
Incidente Funivia Stresa-Mottarone
23 Maggio 2022
09:08

La funivia del Mottarone sarà demolita. Il sindaco a Fanpage.it: “Un Archistar per la nuova linea”

La funivia Stresa-Mottarone è ancora sotto sequestro dal disastro del 23 maggio 2021, quando la fune traente si spezza e una cabina della funivia si stacca e precipita, causando la morte di 14 passeggeri.
A cura di Gianluca Orrù
133 CONDIVISIONI
Marcella Severino, Sindaco di Stresa
Marcella Severino, Sindaco di Stresa
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incidente Funivia Stresa-Mottarone

A un anno dalla tragedia, mentre Stresa si stringe sul Mottarone dove si è celebrata una messa in suffragio delle vittime del terribile schianto che ha distrutto 5 famiglie, compresi due bambini di 2 e 5 anni, tutta la città si interroga sul destino della Funivia, ancora sotto sequestro a causa del processo ai responsabili, 14 gli imputati, che comincerà il 14 luglio 2022.

Attualmente è ancora in corso l'incidente probatorio tra i tecnici, ma già stanno avanzando gli incontri con il Ministro del Turismo Garavaglia (la Funivia è considerata una attrazione turistica) e il superconsulente appena nominato dal Governo, il professor Angelo Miglietta.

"Gli incontri finora sono andati molto bene – racconta il Sindaco di Stresa Marcella Severino a Fanpage.it – e da parte nostra abbiamo espresso il desiderio di avere una struttura totalmente rinnovata, nella tecnologia e anche nell'architettura. Come per il Monte Bianco, abbiamo chiesto che una delle nuove stazioni venga disegnata da un Archistar".

Fabrizio Bertoletti – Hotel Eden Mottarone
Fabrizio Bertoletti – Hotel Eden Mottarone

Opinione di molti in città è che la Funivia, con il disastro, abbia subito un danno di immagine irreparabile, tale da non consentirne la ripartenza neanche in caso di una profonda revisione e ristrutturazione. A Stresa fino agli anni '50 era un piccolo treno che portava su i lavoratori e i turisti; adesso raggiungere la vetta del Mottarone, una strada privata a pedaggio, è possibile solo grazie al mezzo privato. Il risultato è che in vetta ci vanno in pochi, la funivia portava su 100mila passeggeri all'anno e adesso in alcuni locali che vivevano esclusivamente di quel turismo sono in grave crisi.

Massimo Baccolini – Albergo Della Neve Mottarone
Massimo Baccolini – Albergo Della Neve Mottarone

"Il lavoro è calato moltissimo, si è minimizzato, – spiega Fabrizio Bertoletti, dell'Hotel Eden, che al momento dell'intervista era completamente deserto – stiamo cercando di capire cosa fare"; "Il lavoro è calato del 60/70% – spiega Massimo Baccolini, Hotel della Neve – e se non ripristinano il collegamento con la Funivia sarà sempre più dura. Ho 10 dipendenti".

133 CONDIVISIONI
116 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni