Una discussione per futili motivi è letteralmente degenerata qualche sera fa ad Isernia, dove gli agenti delle volanti sono dovuti intervenire per sedare una violenta rissa che stava vedendo protagonisti due uomini e una donna nel centro della città. Uno dei due litiganti, in preda ad un raptus, ha morso la mano destra dell’altro uomo, recidendogli una falange.

I poliziotti sono riusciti, non senza difficoltà, a placare gli animi, riportando alla calma i due uomini e hanno richiesto l’immediato ausilio dei sanitari del 118, i quali hanno soccorso i due trasportandoli in ospedale per le cure del caso. Entrambi sono stati refertati: uno dei due, di 46 anni, è stato ricoverato con prognosi di 40 giorni in quanto la lesione subita consisteva nell’amputazione di parte del dito e per questo motivo necessitava di intervento chirurgico.

L’autore della lesione, un uomo di 59 anni, anch’esso refertato con prognosi di 10 giorni, in seguito alla ricostruzione fatta dai poliziotti, anche grazie alla collaborazione dei testimoni, opportunamente sentiti come persone informate sui fatti, è stato denunciato per il reato di lesioni dolose gravi. Inoltre, data la violenza mostrata a fronte di una futile motivazione, gli agenti hanno ritenuto necessario il ritiro cautelare delle armi regolarmente detenute.