8 Febbraio 2017
16:36

Infermiera killer di Lugo: chiesta la conferma dell’ergastolo

Daniela Poggiali, ex infermiera dell’ospedale di Lugo, era stata condannata in primo grado al carcere a vita in relazione all’omicidio di Rosa Calderoni, una paziente di 78 anni.
A cura di Davide Falcioni

Il sostituto Procuratore Generale della Corte d'Appello di Bologna Luciana Cicerchia ha chiesto la conferma della condanna all'ergastolo inflitta in primo grado a Daniela Poggiali, l'ex infermiera di 44 anni dell'ospedale ‘Umberto I' di Lugo, in provincia di Ravenna, accusata di aver ucciso l'8 aprile 2014 con un'iniezione letale di potassio una sua paziente, la 78enne Rosa Calderoni. La pg, dopo aver ripercorso tutte le tappe dell'inchiesta, ha affermato che "da qualsiasi parte si esamini la vicenda, non vi sono spazi per soluzioni diverse da una conferma del giudizio di responsabilità o alternative a sanzioni che lo Stato deve dare di fronte a condotte di questa gravità". Dopo la Cicerchia hanno preso la parola gli avvocati delle parti civili (i due figli della defunta, l’Ausl Romagna e il collegio ravennate degli Infermieri). Al termine della discussione, la Corte si pronuncerà sulla richiesta di perizia medico legale formulata dalla difesa e già respinta in primo grado. Un passaggio ritenuto fondamentale.

La Poggiali già condannata al carcere a vita in primo grado

Daniela Poggiali, condannata in primo grado al carcere a vita, è indagata anche per almeno un’altra decina di morti sospette, tutte verificatesi nell'ospedale di Lugo. A destare sospetti il fatto che durante i turni dell'infermiera romagnola vi furono una novantina di morti in più rispetto alla media dei periodi in cui lei era assente. Durante il processo di primo grado, terminato nel marzo scorso, i magistrati hanno riferito di almeno 70-80 presunti furti all'anno, tutti registrati nel reparto della Poggiali, quello di Medicina, quando lei era in servizio. Per finire la donna si è distinta  per alcuni selfie sorridenti accanto a un'altra paziente appena morta. "In criminologia – aveva detto la pm Angela Scorza – sarebbe indicata come serial killer dominante: uccidendo, si sentono potenti. E lei ha ucciso non per pietas ma perché si compiace di dare la morte".

Otto morti sospette nella RSA di Offida, chiesto l'ergastolo per l'infermiere Leopoldo Wick
Otto morti sospette nella RSA di Offida, chiesto l'ergastolo per l'infermiere Leopoldo Wick
Omicidio di Willy Monteiro, chiesto l’ergastolo per Marco e Gabriele Bianchi
Omicidio di Willy Monteiro, chiesto l’ergastolo per Marco e Gabriele Bianchi
844 di Videonews
Uccise il patrigno con pasta al salmone avvelenata, chiesto l'ergastolo per il 20enne Leon Asoli
Uccise il patrigno con pasta al salmone avvelenata, chiesto l'ergastolo per il 20enne Leon Asoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni