327 CONDIVISIONI
13 Luglio 2022
11:22

In val d’Aosta c’è un ghiacciaio grande come il Duomo di Milano che si muove un metro al giorno

Courmayeur, Valle d’Aosta. A circa 5 chilometri in linea d’aria dalla cittadina, il ghiacciaio del Planpincieux scivola verso il fondo della valle a un ritmo impressionante, quasi un metro al giorno. Una squadra di glaciologi lo monitora 24 ore al giorno e un sistema di radar interferometrici e rilievi fotografici si attiva automaticamente in caso di un’accelerazione della discesa.
A cura di Gianluca Orrù
327 CONDIVISIONI
Il ghiacciaio di Planpincieux
Il ghiacciaio di Planpincieux

Fa caldissimo e la strada per salire verso il pratone che sta sotto il ghiacciaio del Planpinceux, verso la frazione Rochefort, è bloccata a causa dell'ennesima frana di rocce venuta giù dal ghiacciaio che in linea d'aria è a un paio di chilometri più in alto e più lontano. Fabrizio Troilo, coordinatore dell'area ghiacciai della Fondazione Montagna Sicura, ente strumentale della regione Valle d'Aosta, sta salendo a passo spedito in mezzo ai boschi per consentire al drone di volare più vicino possibile al ghiacciaio ‘osservato speciale': "È sempre meglio avere un rilievo fotografico di prima mano – spiega a Fanpage.it – oltre ad avere i dati del radar interferometrico e della macchina fotografica piazzata sul monte di fronte".

Fabrizio Troilo, coordinatore della ricerca sui ghiacciai presso la Fondazione Montagna Sicura
Fabrizio Troilo, coordinatore della ricerca sui ghiacciai presso la Fondazione Montagna Sicura

Il gruppo di glaciologi coordinato da Fabrizio si interfaccia con la protezione civile, con la regione e siede ai tavoli in cui viene valutata la situazione dei ghiacciai valdostani. "In Valle d'Aosta abbiamo ancora 184 ghiacciai – racconta Luca Mondardini, glaciologo della Fondazione – parliamo di 120 chilometri quadrati, pari al 3,6% dell'intera superficie della regione. Di tutti questi ghiacciai, sono tenuti sotto stretto controllo cinque, ma sono soltanto due che preoccupano e che vengono monitorati 24h al giorno, il seracco delle Jorasses e il ghiacciaio di Plancipieux. Quest'ultimo in particolare in questo periodo si sta muovendo verso il basso alla velocità di 90 centimetri al giorno".

L’analisi che monitora quali aree del ghiacciaio sono più
L’analisi che monitora quali aree del ghiacciaio sono più "calde"

Una velocità impressionante, quasi un metro al giorno, ma non è tanto la velocità ad essere interessante, quanto l'accelerazione. "Intanto non è tutto il ghiacciaio che si muove alla stessa velocità – racconta Paolo Perret, uno degli altri glaciologi – ma è soltanto una sezione sul fronte di circa 400mila metri cubi" (una dimensione pari al volume del Duomo di Milano, ndA)

Paolo Perret, Glaciologo della Fondazione Montagna Sicura
Paolo Perret, Glaciologo della Fondazione Montagna Sicura

Se, grazie ai sistemi di monitoraggio, viene valutato un passaggio ad un'allerta rossa, i semafori si posizionano immediatamente sul rosso, la strada comunale viene chiusa (e viene offerto un percorso alternativo) e i cittadini residenti nella frazione di Courmayeur vengono informati delle condizioni considerate pericolose del ghiacciaio e invitate a lasciare le loro case. L'ultima volta è successo 3 settimane fa, verso l'inizio di giugno, a causa non tanto del caldo quanto di un forte temporale.

Lavori continui per la messa in sicurezza del torrente originato dal ghiacciaio
Lavori continui per la messa in sicurezza del torrente originato dal ghiacciaio

"Il ghiacciaio di Planpincieux – spiega Fabrizio Troilo – è un tipo di ghiacciaio nel quale l'acqua scorre tra la roccia e il ghiaccio, quindi il coefficiente di rischio crolli non è collegato direttamente con il riscaldamento climatico, ma è certo che i ghiacciai si stanno restringendo da decenni a causa dell'aumento delle temperature medie".

Luca Mondardini, Glaciologo della Fondazione Montagna Sicura
Luca Mondardini, Glaciologo della Fondazione Montagna Sicura

Il gruppo di glaciologi è solito anche andare in missione in vetta per fare dei controlli, soprattutto ai ghiacciai che minacciano più o meno direttamente le case e le strade, il resto dei ghiacciai non ha un monitoraggio quotidiano, per cui l'attraversamento dei ghiacciai a piedi e l'alpinismo in generale sono una questione che è deputata più alle guide alpine che ai glaciologi. "Noi ci occupiamo di mitigare il pericolo del ghiacciaio verso l'abitato – conclude Fabrizio Troilo – in modo da ridurlo il più possibile". A essere minacciata è soltanto la piccola frazione di Planpincieux, che d'inverno è disabitata, e il pericolo non riguarda in alcun modo il comune di Courmayeur che dista almeno 7 chilometri in linea d'aria dal ghiacciaio"

Costantino Zen, informatico e unico abitante della frazione di Rochefort, a destra del ghiacciaio
Costantino Zen, informatico e unico abitante della frazione di Rochefort, a destra del ghiacciaio

"La montagna è così – racconta Costantino Zen, l'unica persona che in questi giorni vive a Rochefort, frazione di Planpincieux, alla destra del ghiacciaio – non è per tutti. Io faccio l'informatico ma vivo qui quando posso senza corrente elettrica, con i pannelli solari e la batteria e il ghiacciaio è così da sempre, soprattutto d'estate. Non ho paura e mi sento sicuro"

327 CONDIVISIONI
Il
Il "ghiacciaio del giorno del giudizio" sta cedendo rapidamente: disastro per l'innalzamento dei mari
Migliaia di tifosi inglesi assaltano Milano: metro bloccate e disagi in città
Migliaia di tifosi inglesi assaltano Milano: metro bloccate e disagi in città
Pronto soccorso la rimanda a casa, ma aveva un tumore. Prof muore a 54 anni: “Curata col paracetamolo”
Pronto soccorso la rimanda a casa, ma aveva un tumore. Prof muore a 54 anni: “Curata col paracetamolo”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni