4.169 CONDIVISIONI
Covid 19
3 Settembre 2021
08:03

Il primario che cura i no vax: “Non si pentono, pensano di evitare il vaccino con la malattia”

A Torino su 16 ricoverati per Covid in questo momento, 15 sono quelli che hanno scelto di non vaccinarsi e l’unico vaccinato ha severe patologie ematiche pregresse. “Non ci sono pentimenti tra i ricoverati – racconta Domenico Vallino, direttore della Medicina d’Urgenza dell’ospedale Mauriziano – anzi alcuni di loro sono sollevati perché avendo preso la malattia potranno evitare il vaccino”.
A cura di Gianluca Orrù
4.169 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il ritorno dalle vacanze a Torino c'è già stato ma è da 4-5 giorni che non ci sono nuovi ingressi in terapia intensiva nel capoluogo piemontese. Al momento c'è un solo paziente in terapia intensiva, tre in sub intensiva e 12 nei reparti di bassa intensità. Dei 16 ricoverati complessivi solo uno aveva ricevuto la doppia dose di vaccino, ma è un paziente con "una patologia ematologica sottostante, un paziente fragile come vengono definiti".

Tutti gli altri, il 98% dei ricoverati, ha scelto di non vaccinarsi ed è finita in ospedale: "Avevano diritto, avrebbero potuto farlo – riflette il Dottor Domenico Vallino, Direttore della Medicina d’Urgenza del Mauriziano – qualcuno si riserva di pensarci e di vedere cosa fare una volta guarito, ma la maggior parte di loro è ancora ostile al vaccino nonostante la malattia, diffidente nei confronti della vaccinazione, anche perché adesso dicono ‘mi faccio la malattia e mi faccio gli anticorpi'".

"Lo scetticismo nei confronti del vaccino – ragiona il dottor Vallino – supera la razionalità, ne vediamo di tutti i colori qui". Col ritorno delle vacanze già concluso per la maggior parte dei torinesi, la riflessione delle strutture ospedaliere è che questa ‘ondata' dovuta ai rientri si sia già esaurita.

"Io credo non ci saranno grosse ondate di virus aumentando le vaccinazioni – si sbilancia Vallino – e non ci saranno i disastri dello scorso anno, né altri lockdown. Con un po' di intelligenza, rispettando distanziamento e vaccinandoci non sarà come l'anno scorso. Dovremo convivere col virus, che non sparirà di colpo e continuerà a mutare, ma il prossimo anno probabilmente sarà un virus presente che tenderà a non essere più così ‘cattivo'".

"In caso contrario – conclude il medico – sarebbe un disastro, affrontare un altro autunno come lo scorso sarebbe veramente difficile, ma ci sono delle buone prospettive per cui questo possa non succedere".

4.169 CONDIVISIONI
28231 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni